2furti_auto

12 auto rubate ogni ora in Italia

La Campania è la regione con il maggior numero di furti nell’anno passato, Roma è la peggiore delle province, Fiat la marca con le auto più rubate. Questi i dati principali emersi dalla 10° edizione della Guida alla Sicurezza Stradale organizzata da Viasat Group.

I furti d’auto sono in calo ma l’allarme resta, soprattutto in Campania, Lazio e Puglia.

Roma, Napoli e Milano sono le Province più prese di mira dai ladri, che scelgono soprattutto le piccole Fiat: Panda, Punto e 500. La tecnologia satellitare sembra essere l’unica in grado di contrastare le bande sempre più organizzate.

Entrando nel dettaglio dell’indagine – secondo i dati disponibili della Direzione Centrale della Polizia Criminale – nel 2014 sono state 107.383 le autovetture rubate (quasi 9mila al mese, 298 al giorno, oltre 12 l’ora) con una riduzione di 4.772 auto rispetto all’anno precedente. La Campania si riconferma in cima alla classifica come la Regione più a rischio con i suoi 20.982 furti d’auto l’anno, segue il Lazio con 18.315 e la Puglia con 15.546. Poi troviamo la Sicilia (15.389) e la Lombardia (14.221). Roma, così come l’anno precedente, è la Provincia in cui vengono rubate più auto: ben 16.923. Segue la provincia di Napoli (15.683) e di Milano (8.503), subito dopo Catania (7.280) e Bari (6.452).

Le autovetture in assoluto più “ricercate” continuano ad essere quelle di medio-piccola cilindrata: Fiat Panda (11.813), Fiat Punto (9.855), Fiat Cinquecento (6.805). Seguono Lancia Y (4.439) e Fiat Uno (4.267). Tutte sommate il 34% del parco circolante. Questi modelli d’auto vengono scelti generalmente per farne un uso temporaneo: per commettere reati (rapine o furti) o per la vendita dei pezzi di ricambio. Quelle più pregiate, di gamma medio-alta, invece, normalmente sono rubate “su commissione”, o per essere rivendute all’estero.
Per quanto riguarda i recuperi, nel 2014 sono state ritrovate 46.461 auto (il 43% del totale). Questo dato è decisamente migliore di quello dell’anno precedente (41%). I numeri – si legge nella Guida alla Sicurezza di Viasat –confermano che sono stati fatti notevoli passi avanti grazie a tecniche investigative sempre più all’avanguardia e alla sempre maggiore diffusione della telematica satellitare

Da ricordare, inoltre, che chi installa dispositivi satellitari, oltre a innalzare la propria sicurezza, ottiene interessanti sconti sulla polizza assicurativa.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *