ConfStampa_Automotive_TalentAward

“Automotive Talent Award” per giovani designer

Durante lo svolgimento del Salone dell’Auto di Torino, è stato presentato l’AUTOMOTIVE TALENT AWARD, iniziativa ideata da Roberto Piatti per festeggiare i primi dieci anni di attività di TORINO DESIGN di cui è CEO e fondatore.

“L’azienda – spiega Piatti – è nata nel 2006 dal concetto di “Know How”, con la volontà di riunire competenze di alto livello, fondando un Centro Stile ed Ingegneria capace di offrire una visione globale del prodotto automotive. Ad oggi sono oltre 200 i progetti realizzati per i principali costruttori mondiali, vantando il reparto stilistico e creativo più grande del torinese.
Questo traguardo – continua Piatti – è stato raggiunto grazie alla collaborazione sinergica tra professionisti di grande esperienza e giovani talenti.”

Proprio questa fruttuosa collaborazione, tornando all’iniziativa di TORINO DESIGN, ha dato vita al progetto di premiare i giovani che hanno il coraggio di pensare oltre l’ordinario e sviluppare progetti in grado di alimentare nuove idee.

Il contest ha subito raccolto l’apprezzamento di istituzioni e addetti del settore, acquisendo in pochissimo tempo il patrocinio di Regione Piemonte, Politecnico di Torino, Quattroruote, Città di Torino e Unesco-Torino City of Design.

A presentare il progetto, presso la Sala delle Colonne all’interno del Castello del Valentino, oltre a Roberto Piatti, un tavolo d’eccezione: Andrea Levy, Presidente del Salone dell’Auto di Torino. Parco Valentino, Gian Luca Pellegrini, Direttore di Quattroruote, Claudio Germak, Docente di Disegno Industriale al Politecnico di Torino e Francesco de Biase, Dirigente Servizio Arti Visive, Cinema e Teatro del Comune di Torino.

Durante la conferenza stampa, introdotta dal padrone di casa Andrea Levy, sono stati messi in luce
i caratteri distintivi del progetto.

Roberto Piatti, ha aperto la conferenza stampa spiegando da cosa è nato questo premio: “TORINO DESIGN compie dieci anni. Dieci anni sono un lampo, in realtà per noi è stato tempo trascorso a costruire e consolidare un’immagine, una reputazione nel mondo, cercando di difendere il più possibile il nostro essere privati ed indipendenti. TORINO DESIGN è nata dalla volontà di unire competenze di persone di grande esperienza con il talento di giovani capaci di alimentare con nuova linfa il nostro “Know How”. Invece di fare una festa abbiamo indetto un premio per i giovani, dove non ci sono barriere di nessun tipo, non bisogna essere laureati, perché chiunque può avere un’idea innovativa legata all’automobile. L’unica restrizione è il limite d’età (18-25), proprio per rivolgersi ad una fascia realmente giovane. Desideriamo quindi ricevere delle idee legate all’interfaccia uomo-macchina, alla relazione tra l’automobile e chi la conduce con il mondo esterno, alle relazioni tra i vari mezzi di trasporto. In sintesi, tutto quello che è un’ idea che può reinventare e ricostruire il mito dell’automobile. Questo è il vero obiettivo del premio”.

A seguire ha parlato Gian Luca Pellegrini, spiegando il motivo dell’adesione di Quattroruote al progetto: “Noi conosciamo Roberto Piatti da tantissimo tempo, conosciamo la sua serietà, conosciamo anche il prestigio di cui gode in termini di industria. Ci è piaciuta molto l’idea di non porre restrizioni, ma di lasciare libera l’inventiva. Abbiamo apprezzato l’idea che non si cerchino proposte legate allo stile, design e bozzetti, bensì rivolte al macro-concetto d’automobile e su come cambierà il rapporto fra l’automobile e la persona. Per noi è un orgoglio, per me personalmente è un orgoglio, essere all’interno della giuria”.

In merito alle questioni su cosa si aspetti la giuria dai progetti dei giovani talenti è stato Claudio Germak ad approfondire maggiormente l’argomento: “TORINO DESIGN ha avuto un rapido sviluppo ed in soli 10 anni è diventata una della grandi firme del design mondiale. Il premio è brillante, allineato alle intenzioni contemporanee dell’open innovation, ovvero non troppo caratterizzato, non troppo formalizzato, proprio per lasciare spazio ai concept, che sono tipici della design factory. Un’operazione, quindi, che Roberto Piatti chiede ai giovani di tutto il mondo: il design thinking”.

Passando al regolamento, i candidati dovranno presentare il progetto in un massimo di tre pagine esplicative inviate in formato PDF. Nella prima deve essere indicato il nome del partecipante, l’età, la città e il paese di provenienza e l’indirizzo email. La seconda pagina deve illustrare graficamente il progetto attraverso l’utilizzo di 2 immagini delle dimensioni di 148 x 210 mm. La terza deve contenere – in lingua inglese – il titolo indicativo del progetto e descriverne l’idea con un testo al massimo di 500 parole.
Il progetto dovrà essere caricato entro il 31 Agosto 2016 sulla pagina dedicata del sito di TORINO DESIGN (www.torino-design.com) e per poter essere considerato dovrà rispondere a tutte le condizioni sopra citate.
Il vincitore dell’ AUTOMOTIVE TALENT AWARD, oltre a ricevere una somma in denaro, avrà anche l’opportunità di essere formato e ricevere i suggerimenti di Roberto Piatti e Giuliano Biasio, Direttore dello Stile di TORINO DESIGN. Il premio per il migliore progetto equivale infatti a diecimila euro ed è inclusa la possibilità per il vincitore di entrare a far parte del team di TORINO DESIGN per un periodo minimo di sei mesi con il fine di sviluppare il proprio progetto.
Per concludere a giudicare i partecipanti in gara sarà una giuria d’eccellenza, formata da: Roberto Piatti, Giuliano Biasio, Gian Luca Pellegrini, Luca Ciferri, Andrea Levy, Claudio Germak e Piero Bianco.
L’AUTOMOTIVE TALENT AWARD rappresenta quindi un premio accattivante per tutti i giovani talenti del mondo con la passione per l’automobile che abbiano voglia di confrontarsi con una realtà di esperti pronti a indicare loro la strada migliore per seguire i propri sogni.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *