13173557_1178544762185517_6149936383792812918_o

“Biofore” l’auto green anche nei materiali

Diversi settori della ricerca e dell’industria da anni sono impegnati verso lo sviluppo di prodotti “green”, con l’intento di ottenere minor consumo possibile ed utilizzo di materiali a basso impatto ambientale ed allo stesso tempo performanti. Fra questi materiali l’industria automobilistica si sta indirizzando verso biomateriali polimerici e compositi, alcuni dei quali presenti sugli interni di veicoli già in commercio (legno di ebano, fibre di kenaf, pelli conciate al naturale, fibre riciclate, bambù, bioplastiche innovative derivate dalle piante). Inoltre, sono stati realizzati dei prototipi a base di biomateriali, prototipi che sono da considerarsi come una reale e promettente alternativa ai materiali tradizionali anche per applicazioni in ambito di design e progettazione di nuovi veicoli. Fra questi un posto di rilievo ricopre la “Biofore”, una concept car (vista al Salone di Ginevra) progettata e realizzata da studenti di design industriale automobilistico e di ingegneria della Helsinki Metropolia University of Applied Science, in partnership con il Finnish Funding Agency for Technology and Innovation,  la UPM (United Paper Mills, società che si occupa della trasformazione del legno per le più diverse utilizzazioni civili) e diverse altre compagnie partner. Con l’impiego di diversi biomateriali (quali fibre biocomposite e legno certificato termoformabile) che hanno rimpiazzato la plastica, si è potuto ottenere un veicolo di circa 150 chilogrammi più leggero, con conseguente minor consumo di carburante. Buona parte dei pannelli esterni della carrozzeria di questa vettura cinque porte è infatti realizzata in un materiale biocomposito UPM Formi e UPM Grada derivato dal legno. Il Formi Grada in particolare è un nuovo materiale che sfrutta il legno per modellare a pressioni e temperature elevate alcune parti che compongono il piano interno, la plancia e i pannelli porta. I biomateriali non si limitano all’esterno della UPM Biofore Concept, visto che il motore 1.2 diesel (3 cilindri di derivazione Volkswagen) è alimentato con il biodiesel BioVerno ottenuto anche questo dal legno.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *