pneumaticineve

Dal 15 novembre multe fino a 335 euro per chi non ha pneumatici invernali o catene da neve a bordo

Dal 15 novembre arrivano anche alcuni obblighi che spesso sono dimenticati da molti automobilisti. Per poter viaggiare su determinate strade e autostrade occorrerà, infatti, munirsi degli pneumatici invernali o di dispositivi antisdrucciolevoli omologati, come le catene.

Anche il portale di annunci vendite di auto AutoScout24.it cerca di fare chiarezza sulla normativa per aiutare gli automobilisti a non farsi trovare impreparati, tutelando così  il “portafogli” e soprattutto la sicurezza.

Cosa prevede la direttiva del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti?

A livello generale, fuori dai centri abitati, nelle zone interessate da particolari condizioni climatiche, gli enti proprietari o concessionari di strade possono indicare i tratti stradali in cui vi è l’obbligo di installare pneumatici invernali oppure, in alternativa, di avere a bordo dispositivi antisdrucciolevoli idonei alla marcia su neve e ghiaccio, come le catene da neve.

Il periodo indicato va dal 15 novembre 2017 al 15 aprile 2018, ma sono tante le eccezioni a livello regionale o provinciale, sia per quanto riguarda la durata sia le strade interessate.

All’indirizzo www.pneumaticisottocontrollo.it, per esempio, è possibile trovare alcune informazioni relative alla propria città o regione, ma per sicurezza è ancor meglio chiedere informazioni presso le autorità locali.

Leggi anche: Due siti web per scoprire da quando montare gli pneumatici invernali.

E per chi non si adegua?

Se la normativa sembra “elastica”, meno lo è per chi dopo il 15 novembre verrà trovato in “difetto”. Chi non rispetterà le regole rischierà una multa da 41€ a 168€ nei centri abitati e da 84€ a 335€ fuori dai centri abitati – oltre che l’eventuale decurtazione di 3 punti sulla patente e il fermo del veicolo fino a quando non si rispetti la normativa.

Leggi anche: Pneumatici invernali, quanto devo spendere per la custodia e il montaggio ?

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *