Montecarlo17

Ferrari una doppietta fantastica che porta lontano, molto lontano

Rosso pieno. Rosso da sballo. Rosso Ferrari. Doppietta principesca con la Ferrari giusta, quella di Vettel, il candidato al titolo, davanti a tutti. Dopo 16 anni a Montecarlo esce finalmente il colore più amato dagli italiani. La doppietta Rossa mancava invece dalla Germania 2010… E’ un giorno di festa. Una vittoria chiara, netta, mai in discussione. E soprattutto è un messaggio per tutti: questa auto, quest’uomo e questa squadra sono i grandi favoriti per il mondiale 2017. Dopo 6 gare Vettel ha collezionato 3 vittorie e 3 secondi posti. Alzi la mano chi se lo aspettava alla vigilia del campionato. I punti di vantaggio in classifica ora sono 25, ma quel che più conta è una competitiva in ogni condizione. “Grazie Ragazzi….”

L’ultima volta di una Ferrari sul podio più alto davanti al Principe pagavamo ancora in lire. Era il 27 maggio 2001 e Schumi vinse stando in testa dall’inizio alla fine dovendo battere un solo avversario: la noia. Ma sapeva dal via che avrebbe vinto perchè sua moglie Corinna quel mattino trovò un quadrifoglio e giardino e glielo consegnò da mettere in tasca. Un pensiero anche per lui in questo giorno di festa Ferrari.

Sorpassi zero. Ma la noia del Gp di Monaco per una volta è bellissima. Là davanti ci sono le due Rosse e non viene voglia di spettacolo. Chi parte davanti, se non sbaglia tutto, qui finisce quasi sempre davanti. Conta solo la tattica. Una partita a scacchi giocata ad altissima velocità con quei guardrail da baciare ad ogni curva. Nel gioco dei box è andata bene a Vettel e a Ricciardo. Seb con tre giri da qualifica nei 5 che ha aspettato per rientrare ai box dopo Kimi, è balzato davanti. Perfetto. E da quel momento Kimi ha perso un po’ di smalto, un po’ di brio, scivolando indietro e rischiando pure il secondo posto. Un altro pilota si sarebbe incazzato anche con i box (vedi Verstappen), Kimi si è semplicemente incupito. Ricciardo che era 5°, ritardando il suo stop rispetto a Bottas e Verstappen, ha addirittura recuperato due posizioni finendo sul podio e cercando di insidiare Kimi fino alla bandiera a scacchi.

Dietro Hamilton ha fatto quel che ha potuto lottando nel traffico dall’inizio alla fine per entrare in zona punti e limitare i danni in classifica. Non è stato il suo weekend. Lui che è il più glamour dei piloti di oggi, ha fallito proprio l’appuntamento più alla moda dell’anno… Il settimo posto limita i danni. E il suo messaggio radio alla squadra durante l’ultimo giro è stato molto umano: abbiamo perso la battaglia, non la guerra…

Il brivido caldo è arivato al giro 61 quando per il botto davvero spettacolare tra Button (colpevole) e Wehrlein (proprio di fronte al Twiga di Briatore…) è entrata in pista la Safety Car. Tutti in fila con Verstappen che ha pure provato a montare gomme nuove ultrasoft. Il vantaggio di Seb annullato. E ancora 11 giri per riscrivere il finale della gara. Con Seb protetto da Kimi mentre dietro è stata subito lotta tra Ricciardo, Bottas e Verstappen. E Ricciardo ha rischiato grosso alla Santa Devota andando a bacaire con un po’ troppo trasporto il guard rail. Ma alla fine nulla è cambiato. E la festa Rossa è stata completa.
Anche se, come suggerisce Arrivabene questo è solo l’inizio….(da topspeed.gazzetta.it)

1 commento
  1. scalexsanremo
    scalexsanremo dice:

    Si, un bellissimo weekend monegasco, ancor di più per me che da appassionato frequento l’evento da quando ero bambino (…tempi di Niki Lauda, per intenderci).
    Facciamo tutti gli scongiuri possibili: quest’anno la Ferrari c’è, a Monaco è andata meglio di ogni previsione, ma il proseguo della stagione non sarà facile. Hamilton è incappato in un fine settimana “no”, iniziato nella Fp2, ma sia lui che la Mercedes sono tutt’altro che bolliti. Bottas è un alfiere non dichiarato, ma lo è nei fatti con il morsetto che si trova a cavallo delle gambe, se vuole un contratto biennale, inoltre arriveranno piste un po’ più ostili dove questi famigerati 15cm di “passo lungo” delle Frecce d’Argento potrebbe giovare: penso ad esempio a Silverstone e Spa.
    Mi permetto inserire link della mia pagina con un reportage fotografico del fine settimana a Monaco, sperando far cosa gradita http://scalexsanremo.altervista.org/monaco-f1-2017.html nell’attesa di leggere un commento dell’amico ed esperto Renato Ronco.

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *