68sanremo

Il Festival di Sanremo per gli automobilisti…all’ascolto

Al culmine di un “martellamento” mediatico che dura da mesi, anche  quest’anno è arrivato  l’evento popolare  per eccellenza: il Festival della canzone italiana di  Sanremo, che tutti a parole snobbano, ma che poi batte sempre i record di ascolto: “Perché Sanremo è Sanremo”, e lo è anche on the road.

Ma quali sono i successi sanremesi che  gli italiani ascoltano più volentieri quando viaggiano in auto ?

AutoScout24 , il portale di annunci auto e moto leader in Europa, ha effettuato una  ricerca  condotta in occasione della 68a edizione del Festival di Sanremo,  in onda dal 6 al 10 febbraio 2018, per analizzare il rapporto degli italiani con il tradizionale appuntamento della canzone italiana e il connubio auto-musica.

Tra i vincitori delle ultime dieci edizioni del Festival, “Occidentali’s Karma” di Francesco Gabbani è senza dubbio il ritornello più apprezzato quando si viaggia in auto. Il ritmo coinvolgente del ballo della scimmia si aggiudica, infatti, il 21% delle preferenze, distanziando nettamente “Un giorno mi dirai” degli Stadio e “Grande amore” de Il Volo, entrambi al 7%.

Se invece si va ancora più indietro negli anni, sul podio dei brani musicali che hanno emozionato di più  nel passato, e che non mancano oggi tra i pezzi preferiti, troviamo dei grandi esclusi dalla gara, che però poi sono diventati successi strepitosi, come “Vita Spericolata” di Vasco Rossi (31%), seguito da “Gianna” di Rino Gaetano (15%) e il poetico inno contro la guerra “4 marzo 1943”di Lucio Dalla (13%).

E quest’anno cosa si aspettano gli appassionati automobilisti all’ascolto dell’autoradio?

Il Festival di Sanremo è dunque un evento popolare ancora ricco di fascino e che tutt’oggi si mantiene sinonimo di tradizione e storia della musica italiana, secondo quanto dichiarato da quasi la metà degli intervistati, interessati a seguire anche in radio le canzoni proposte e i programmi dedicati (46%), pur ritenendo che gli artisti emergenti del mercato discografico contemporaneo si scoprano altrove e principalmente nei talent show (45%). E’ il caso di Francesca Michielin e della giovanissima BandManeskin, provenienti da X Factor e indicati rispettivamente dal 32% e dal 10% tra i personaggi di cui si sentirà maggiormente la mancanza sul palco dell’Ariston quest’annoTra gli altri assenti di cui si avrà nostalgia anche due nomi che hanno fatto discutere, non tanto per la loro volontà di non partecipare, ma perché esclusi dalle selezioni: Loredana Bertè (17%) e Morgan(9%), a cui si aggiungono Orietta Berti (8%), Marco Carta ed Enrico Papi (7%).

Quali le canzoni in gara che il pubblico non vedeva l’ora di ascoltare a tutto volume in auto ? C’è grande simpatia soprattutto per “Arrivederci” di Elio e le storie tese (15%), “Rivederti” di Mario Biondi (13%), “Senza Appartenere” di Nina Zilli (11%) e “La leggenda di Cristalda” e “Pizzomunno” (10%). Seguono a poca distanza tutti gli altri, da “Il segreto del tempo” dei nostalgici  Robi Facchinetti e Riccardo Fogli (8%), all’altro duo Ermal Meta e Fabrizio Moro, i più applauditi con “Non mi avete fatto niente”, un inno pacifista e Noemi con “Non smettere di cercarmi”, entrambi al 7%.

tra i classici più famosi di Claudio Baglioni? Le canzoni del Direttore artistico alla guida del Festival 2018 piacciono sempre e fanno da sottofondo musicale anche negli spostamenti in auto. “Questo piccolo grande amore” e “Strada Facendo” vincono a pari merito con il 23% delle risposte, superando “Mille giorni di te e di me” (14%) e “Avrai” (12%).

A chiudere la ricerca di AutoScout24 un’ultima curiosità, in cui si chiede agli intervistati di abbinare alle diverse auto il genere musicale che meglio le rappresenta. E così, tra le risposte più interessanti, l’utilitaria e la Station Wagon vengono elette come auto Pop, la Cabrio, il Suv e il Coupé come rock, la Berlina e l’auto d’epoca ovviamente d’impronta classica, mentre l’auto elettrica esprime perfettamente la musica elettronica.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *