monotone

Italiani monotoni nella scelta del colore della propria auto: bianche, nere o grigie

Gli automobilisti italiani non sembrano amare troppo i colori sgargianti, infatti le immatricolazioni in Italia nei primi 6 mesi del 2017 riportano che tre auto su quattro sono in grigio, bianco o nero.

A riportarlo è autouncle.it (portale di confronto e di valutazione di auto usate) grazie ad una indagine dell’UNRAE, l’associazione delle case automobilistiche estere che valgono oltre il 30% delle vendite nel nostro Paese, che ha effettuato una ricerca sui colori di auto più scelti in Italia: il grigio ha ottenuto il 35% delle preferenze, davanti al bianco (28%) e al nero (15%).

Quarto è l’azzurro (8%), davanti al rosso (6%) e al marrone (5%), mentre il verde, il giallo e l’arancione vengono ordinati in meno di un’auto su cento.

Henry Ford affermava: “Comprate la vostra auto del colore che preferite, l’importante è che sia nero!”

I dati non cambiano molto anche guardando gli acquisti fra i privati, che rappresentano il 56% delle vendite: in questo caso il grigio, il bianco e il nero si attestano al 31%, 29% e 14%.
Il grigio è ancora più decisivo fra le auto a noleggio, dove è scelto nel 44% dei casi, davanti al bianco (22%) e al nero (19%).
Pure le auto comperate dalle aziende sono in maggioranza grigie (31,8%) o bianche (31,3%), mentre il nero rimane al 16%. I

 Il grigio viene scelto più di frequente nel Nordovest (34,2%), nel Nordest (38,5%) e al Sud (32,2%), a differenza del Centro (31,1%) e delle Isole (35,0%) dove invece il bianco si aggiudica il primato. Il nero è terzo in tutte le aree d’Italia, dal 17,9% del Nordest al 9,8% delle Isole. La quarta posizione è ovunque dell’azzurro, mentre il rosso e il marrone si dividono la quinta posizione a seconda dell’area geografica. La ricerca dimostrana inoltre che i giovani da 18 a 29 anni scelgono quasi con la stessa frequenza il bianco (28,4%) e il grigio (28,1%). In tutte le altre fasce d’età la prevalenza di un colore è più netta: fra i 30 ed i 45 anni è più gettonato il grigio, fra i 46 ed i 55 anni il bianco, fra i 56 ed i 65 anni e oltre i 65 anni il grigio.

Per quanto riguarda l’usato, sono stati presi in considerazione diversi tipi di veicoli: quasi 800mila tra SUV, station wagon, coupé, berlina, minivan, cabriolet e compatte. Complessivamente, sono stati analizzati i seguenti quindici colori: bianco, grigio, argento, blu, nero, rosso, verde, giallo, arancio, beige, marrone, viola, oro, turchese e rosa.

Va sottolineato che questi dati non sono uguali dappertutto: moda, tradizioni e culture locali incidono infatti in modo differente sulle decisioni degli automobilisti.

E, soprattutto, non rappresentano solo i gusti dei clienti, ma anche scelte fatte a priori dai costruttori e dai concessionari. 

Per quanto riguarda le auto usate in vendita sul web, la scelta del colore da parte del cliente è più importante. Se un cliente acquista da una concessionaria, infatti, è probabile che scelga il colore che gli propone il venditore, a seconda della sua disponibilità immediata, o a breve termine, in concessionaria. Le statistiche dimostrano invece che chi trascorre del tempo per effettuare una ricerca online, solitamente sceglie anche un colore che gli possa effettivamente piacere.

L’offerta di colori sembra piuttosto triste e monotona: nero, argento e grigio continuano ad essere i più ricercati. Nelle auto usate a modello famigliare (station wagon e tre volumi, ma anche SUV) questi tre colori rappresentano addirittura il 74% del totale delle offerte. Il blu è classificato quarto (11%), seguito a ruota dal bianco (9 – 11%). Di altri colori non si può quindi parlare.

StationWagon
trevolumiLe auto più piccole (due volumi, coupè e cabrio) normalmente, sono più colorate.
Le due volumi risultano essere infatti le “meno nere” con il 26% dei colori (blu, rosso e altre tinte “pastello”).

due-Volumi

cabriolet

Coupe

Tra tutti i tipi di veicoli analizzati, solo negli MPV il bianco batte il nero come colore maggiormente disponibile nell’usato (e il grigio sale in pole position).
Va detto poi che nei pick-up e nei furgoni (qui non riportati), sembra addirittura essere il colore preferito.

MPV

Alcuni studi condotti da esperti evidenzierebbero che la scelta del colore di un’auto non è solo un fatto estetico, ma mette in luce gli aspetti della personalità. Senza volere fare della psicologia spicciola, una persona che all’interno della società si sente collocata in un livello “medio” è più propensa a scegliere il bianco, mentre chi vuole passare inosservato sceglie il nero. Il grigio metallizzato è il colore preferito da chi è scrupoloso. Il verde viene invece scelto da chi è ottimista. Il blu inquadra una personalità forte. Chi possiede un’automobile dalla carrozzeria di color pastello è, invece, solitamente timido: la tinta vivace è appunto un tentativo di attirare l’attenzione senza mettere troppo alla prova le proprie insicurezze. Che sia vero?

Provate a pensare alle scelte che hanno fatto i vostri amici/conoscenti o…voi stessi.

1 commento
  1. renato ronco
    renato ronco dice:

    Niente di nuovo sotto il sole, si potrebbe dire. Ricordo che Gian Paolo Ormezzano negli anni ’70 quando era direttore di Tuttosport fece un pezzo dello stesso tono, o quasi, sul suo giornale. Gli italiani evidentemente cambiano tante opinioni ma non la scelta dei colori della propria auto!

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *