land-rover-series-1-reborn

La Land Rover festeggerà 70 anni da leggenda ad Automotoretrò 2018

La trazione integrale per affrontare anche i terreni più accidentati, design e finiture spartane, un’armatura in alluminio e magnesio come quella utilizzata per la carlinga degli aerei: sono le caratteristiche principali, difficilmente riscontrabili su altre automobili, che fanno della Land Rover una auto leggendaria.

Quella di Land Rover è una storia che affonda le proprie radici nell’ultimo dopoguerra, quando venne imposto alla Rover, solitamente impegnata nella produzione di auto di lusso, di costruire veicoli economici da esportare in quegli anni difficili. Nei capannoni ancora danneggiati dai bombardamenti, dalla penna di Maurice Wilks nacque così il fuoristrada ispirato alle Jeep americane, resistente a tutto e capace di superare ogni avversità atmosferica. Oggi il mito dell’iconica off-road inglese, che ha fatto il suo debutto nel 1948 all’Amsterdam Motor Show, rivive ad Automotoretrò – la rassegna dedicata al motorismo vintage che avrà luogo al Lingotto Fiere di Torino dall’1 al 4 febbraio prossimo – in vista delle celebrazioni ufficiali del 70° anniversario del marchio che inizieranno il 30 aprile 2018.

Nei giorni della manifestazione torinese il Registro Storico Land Rover allestirà uno spazio espositivo, mentre all’esterno un’area per i test drive sarà predisposta nel piazzale di fronte all’Oval, che ospita la 9a edizione di Automotoracing, la kermesse che esplora il mondo delle corse e delle alte prestazioni.

Ostacoli, ponti ed enormi dossi per mettere ancora una volta alla prova la robusta 4×4 che ha visitato ogni angolo del globo e impresso il suo nome nella storia dell’automobilismo con le Serie I, II e III, in produzione fino al 1986, la versione Classic lanciata nel 1970 e il celebre Defender che ha attraversato oltre tre decadi con un gran numero di aggiornamenti e rivisitazioni.

Per tutti gli appassionati della fantastica Land Rover, quindi, appuntamento all’Automotoretrò di Torino dal primo febbraio per ammirare, ancora una volta, la inimitabile 4×4 inglese.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *