124abarth1

La nuova 124 Abarth debutta al Montecarlo

Saranno tre le 124 Abarth che debutteranno in gara, nel prossimo rally di Montecarlo, il più insidioso di tutto il campionato.
Tre come nel 1976, quando la Fiat schierava tre equipaggi: Verini-Rossetti, Cambiaghi-Scabini e Alen-Kiwimaki, in quella che sarebbe stata l’ultima gara per le gloriose spider torinesi, che poi andarono in pensione, perché in Abarth erano pronti a far debuttare la 131,che poi vinse ben tre titoli mondiali.
Purtroppo quella non fu una gara fortunata perché dominò la Stratos con una fantastica tripletta. Dopo 41 anni, non saranno però “ufficiali ” le vetture schierate dalla casa dello Scorpione, perché le strategie sono cambiate e la scelta è caduta sul metodo del Customer Racing, a correre saranno solo i clienti che hanno comprato le autovetture, anche se con l’appoggio del costruttore che oltre ai ricambi porta sui campi di gara i meccanici specializzati.
Sono due le squadre che hanno comprato le prime 124 e che debutteranno in corsa: il Team Milano che affiderà la macchina al francese Delecour, già vincitore al Monte nel 1994, e il team Bernini che avrà due equipaggi uno con l’esperto Noberasco e l’altro con il giovane promettente Andolfi.
Le festività natalizie sono state occupate dai test, per continuare la messa a punto e per prendere confidenza con le gomme messe a disposizione dalla Michelin. Sono loro, di solito, le grandi protagoniste della gara monegasca, la variabilità delle condizioni atmosferiche e la possibilità di trovare neve, impongono scelte spesso azzardate che vengono fatte sulla base delle informazioni da parte dei cosiddetti ricognitori, che pattugliano il percorso alla ricerca di tutte le insidie. Se ci sarà neve l’opzione delle gomme chiodate è scontata, ma le 124 potrebbero subire l’handicap di avere la trazione posteriore, anche se in Abarth hanno fatto un ottimo lavoro nella ricerca di una ottimale distribuzione dei pesi.
Se per Delecour e Noberasco le loro carriere sportive non hanno bisogno di presentazioni, c’è molta curiosità per il giovane savonese Fabio Andolfi. Il ventitreenne fa parte di un programma di addestramento promosso da ACI Italia ed ha potuto già affrontare importanti esperienze nel biennio 2015/16, con Peugeot e con Hyundai, in diverse gare del campionato del mondo, i risultati sono stati più che incoraggianti. Tutto è pronto per la sfida che inizierà giovedì 19 dalla scenografica piazza del casinò di Montecarlo, per tutti e tre gli equipaggi a bordo delle Abarth 124 ci sarà consapevolezza e orgoglio di gareggiare, di nuovo, finalmente, per un costruttore italiano (…o quasi).

124abarth2

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *