tutor3

Le Autostrade condannate a pagare la società che ha inventato i “Tutor”

La società Autostrade è stata condannata a pagare la società che ha inventato e brevettato il Tutor. La causa è stata intentata nel 2006 ed è arrivata a quattro sentenze, l’ultima delle quali avversa alla società Autostrade che ha fatto ricorso. I Tutor (300 in circa 2700 km di arterie a pagamento) non verranno smantellati, la società Autostrade pagherà 500 euro al giorno per il loro mantenimento in attesa di mettere in funzione apparecchiature analoghe.

Leggi qui come funzionano i Tutor http://autologia.net/autostrade-piu-sicure-con-i-tutor/

E’ importante che i Tutor rimangano in funzione – dice Giordano Biserni, presidente dell’Asaps, il sodalizio degli agenti della strada paladina della sicurezza -, perché sono stati l’unico vero argine contro gli incidenti: i morti sono calati nelle autostrade da 750 a 236 all’anno. A noi dell’Asaps interessa solo che ci siano, le questioni legali sono di pertinenza delle società. Anche con i Tutor ci sono automobilisti che pagano una multa, neppure salata, per viaggiare a circa 200 all’ora e con soli 3 punti di penalità sulla patente. E la patente spesso è di un nonno o di un extracomunitario!”.

Leggi qui dove sono i Tutor: http://autologia.net/come-funzionano-i-tutor-in-autostrada-e-dove-sono-attivi/

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *