M_S_Abarth_f4tedesca

Mick Schumacher vince la sua prima corsa

Un altro Schumacher campione del volante ? Pare proprio che sia così, infatti, il figlio del grande campione di F1, ha vinto la terza gara dell’appuntamento d’apertura con la F4 motorizzata Abarth.

Grande attesa per l’esordio dell’ADAC Formula 4 Powered by Abarth che si è disputata sul circuito tedesco di Oschersleben. L’ultima delle tre gare in programma è stata vinta da Mick Schumacher sedicenne figlio d’arte del campione Michael. Un’impresa tutt’altro che facile, vista la pressione mediatica che si era creata intorno a lui, con ben 180 giornalisti di tutto il mondo accreditati per una formula promozionale solitamente non così seguita.

La Formula 4 è una categoria di monoposto nata per consentire ai giovani piloti provenienti dal kart di esordire in giovane età su una vettura performante e formativa. I piloti hanno infatti tra i 15 e i 18 anni e un passato agonistico sui kart. Mick Schumacher ha, infatti, con i kart piazzandosi 3° nel campionato tedesco 2013 e 2° nel Mondiale e nell’Europeo nel 2014, prima di esordire su questa monoposto

Le vetture di Formula 4 sono equipaggiate con un motore Abarth T-Jet di 1400 cc, con una potenza di 160 CV, perfetto per rendere veloce e “istruttiva” la monoposto costruita dalla Tatuus.

Con 40 piloti al via, le tre corse disputate sul circuito di Oschersleben sono state molto spettacolari. Nelle prime due si è imposto il diciottenne Marvin Dienst, precedendo in Gara1 l’estone Aron Ralf e in Gara2 l’olandese Janneau Esmeijer. Nella terza Mick Schumacher ha preceduto l’australiano Joey Mawson. Buoni, per i nostri colori, i piazzamenti dell’italiano Mattia Drudi, terzo in Gara1, quinto in Gara2 e settimo in Gara3.

Dopo queste ultime 3 gare, la classifica assoluta del campionato vede al comando Dienst, seguito da Ralf e Mawson. Quarto Drudi, quinto Schumacher.

Il prossimo appuntamento dell’ADAC Formula 4 Powered by Abarth si disputerà sul circuito austriaco Red Bull Ring dal 5 al 7 giugno. Mentre l’Italian F.4 Championship powered by Abarth esordisce invece il prossimo fine settimana sul circuito romano di Vallelunga.

Quando un figlio d’arte si mette in mostra in così giovane età viene inevitabile da pensare quanto sia veramente talentuoso o soltanto favorito dal cognome che porta. Avremo tempo per capire se il giovane Schumacher riuscirà a percorrere le orme del padre, ancora oggi forse il Campione più celebrato che tanto manca ai suoi tifosi e a tutto l’ambiente.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *