BMW-Serie-5-MY-2017

Il parere degli esperti: la nuova BMW Serie 5

La Serie 5 è arrivata alla settima generazione. Definita in BMW la “berlina business più venduta di sempre”: si tratta di un successo mondiale con 7,6 milioni di auto vendute. L’ultima interpretazione dalla lussuosa bavarese alza il livello del segmento premium con contenuti trasferiti dall’ammiraglia Serie 7. Più leggerezza (100 kg in meno della precedente), migliore dinamica di guida, dei propulsori e della conettività.
Gli esperti italiani dell’automotive l’hanno provata nei giorni scorsi, vediamo cosa ne pensano

ANSAMOTORI.IT – Ecco la nuova Bmw Serie 5, stile innato verso il futuro
La nuova Serie 5 punta dritta verso la guida automatizzata: monta di serie una telecamera stereo che con sensori radar e ultrasuoni (optional) sorveglia a 360 gradi l’esterno e oltre all’Assistente per evitare un ostacolo o l’Avvertimento di traffico trasversale, ci sono anche l’Assistente per il cambio e il mantenimento della corsia con protezione attiva anticollisione laterale. L’auto può controllare in autonomia accelerazione, frenata e sterzata fino a 210 km/h. Inoltre è già disponibile il sistema di sorpasso automatico (ora bloccato in Italia): inserendo la freccia la vettura gira nella direzione indicata ma solo se non ci sono ostacoli. “La tecnologia della guida assistita è al massimo dei livelli ora in commercio – specifica Toffanin -; oggi ha dei limiti tecnici e normativi, ma rappresenta uno stadio avanzato che ci porterà verso qualcosa di diverso”.

AUTO.IT – BMW Serie 5, primo contatto: vale più di un’ammiraglia
A far da padrona sul nostro mercato sarà la 520d, con un 2 litri quattro cilindri turbodiesel da 190 CV che è l’unica ad avere il cambio manuale a sei marce di serie e a richiesta l’automatico a 8 rapporti che, invece, è standard per tutte le altre. I prezzi partono da 50.800 euro e anche per lei ci può essere la trazione integrale. Le prestazioni offerte dal “piccolo” 2 litri sono incredibili dal punto di vista del tiro in basso e della disinvoltura alle andature di normale amministrazione.

AUTOMOBILISMO.IT – Nuova Bmw Serie 5 2017, una piccola Serie 7
Ad una prima occhiata, la nuova Bmw Serie 5 berlina 2017 sembra la sorella maggiore Serie 7 ma con misure più contenute. Il restyling di mezza età non stravolge la berlina che finora è piaciuta molto al mercato ma comunque punta a migliorarla molto. A partire da quei 100 kg in meno perché la vera sfida per ridurre i consumi sulle motorizzazioni tradizionali sta appunto nella “dieta” da imporre ai futuri modelli e Bmw lo sa, tanto da aver creato la filosofia EfficientLightWeight: significa soprattutto più alluminio e acciai alto resistenziali. Peraltro, il nuovo assetto ha anche abbassato il baricentro, a tutto vantaggio del piacere di guida, pur mantenendo la tipica ripartizione equilibrata dei pesi.

HDMOTORI – -BMW Serie 5, ecco quant’è cambiata la berlina di Monaco
Ma come dicevamo la differenza maggiore la fanno gli interni, luogo in cui i clienti della berlina bavarese passeranno molto tempo. Ora la console dei comandi del clima è orientata maggiormente verso il conducente e ha una forma esagonale al contrario della precedente versione, che si discosta anche per l’assenza dello schermo a colori per il controllo proprio della climatizzazione. Inoltre lo schermo ora è rialzato rispetto alla plancia – cosa che potrebbe non piacere a tutti – ma che rimane molto ben visibile senza dover abbassare lo sguardo dalla strada. C’è ancora il grosso controller dell’iDrive mentre debuttano i comandi gestuali visti sulla Serie 7 attuale.

ILSOLE24ORE.MOTORI.COM – Bmw Serie 5, la famiglia si allarga: arrivano ibride e sportive
La M550i xDrive, che si pone al vertice della nuova famiglia della berlina bavarese, è una sportiva pura come, del resto, lascia facilmente intuire la lettera M inclusa nella sigla d’identificazione. I dati salienti riportati nella sua carta d’identità sono il motore V8 biturbo di 4,4 litri con 462 cv, il sistema di trazione integrale intelligente che accentua la trazione sull’assale posteriore per conferire nelle normali situazioni di marcia una guidabilità di stampo sportivo e la taratura dell’assetto secondo i canoni M Performance. Come alcune consanguinee la M550i xDrive tocca i 250 all’ora autolimitati, ma è anche capace di raggiungere i 100 orari in 4”0 proprio come alcune performanti sportive. Ovvero, vetture che non rientrano nel settore delle berline di taglia robusta. Queseta serie 5 si distingue esteticamente dalle consanguinee, in particolare, per il pacchetto aerodinamico M con spoiler sul cofano posteriore che ottimizza il flusso d’aria intorno e sopra la vettura.

MESSAGGERO.MOTORI.IT – BMW Serie 5, la bella signora si comanda a gesti: è un concentrato di tecnologia
Se le eccellenti doti dinamiche sono praticamente scontate quando si parla di una Bmw, è la tecnologia a fare davvero la differenza nel caso della Serie 5 di settima generazione. Davvero tanti i contenuti e le funzioni disponibili, spesso condivisi con l’ammiraglia Serie 7. È il caso, per esempio, del rivoluzionario “Gesture control”, ulteriormente migliorato e arricchito nel numero delle funzioni che possono essere gestite con alcuni semplici movimenti delle mani, che una volta appresi – e non ci vuole molto – possono semplificare la vita a bordo e la complessità che l’evoluzione tecnologica, pur apportatrice di grandi vantaggi, porta inevitabilmente con sé.

MOTORBOX.COM – NUOVA BMW SERIE 5 VERSO LA GUIDA AUTONOMA
A cominciare dalla guida autonoma, pardon semi-autonoma. La Serie 5 di settima generazione ha un sistema più evoluto di quello visto sulla 7. Da sola può gestire la marcia in autonomia fino a 210 km/h, monitorando e governando la dinamica dell’auto in relazione non solo a chi la precede, ma anche a chi la affianca. E’ questa la grossa novità tecnologica. L’auto frena automaticamente, fino a fermarsi, e riparte da sola se la sosta non eccede i 30 secondi, poi assiste il conducente nei cambi di corsia (basta attivare la “freccia”) e nelle manovre di evitamento di un ostacolo fino a 160 km/h.

MOTORI.IT – Bmw Serie 5 2017: primo contatto con la settima generazione
Esteticamente la nuova generazione sfoggia un corpo vettura più muscoloso, ma nello stesso tempo filante e sobrio, grazie alle nervature laterali che regalano slancio alla silhouette  e  alle numerose cromature. Queste ultime enfatizzano ad esempio la nuova griglia anteriore a doppio rene  che si unisce ai gruppi ottici con tecnologia LED (in opzione dici sono i Full LED), mentre il fascione paraurti dalla forma avvolgente ingloba prese d’aria di nuova concezione studiate per ridurre l’attrito aerodinamico. Anche la vista posteriore risulta tutta nuova, anche se nello stesso tempo rispetto la tradizione dell’auto, come sottolinea la classica forma allungata dei fari, realizzati sempre utilizzando la tecnologia LED. Il risultato di questo affinamento delle forme della Serie 5 ha portato ad ottenere un Cx  pari a 0.22 su una berlina lunga ben 4.935 millimetri: si tratta di un risultato che va  a tutto vantaggio di prestazioni, consumi ed emissioni inquinanti. Dalla coda della berlina tedesca si accede ad un ampio bagagliaio da 530 litri che risulta inoltre dotato di un vano interno per accedere alle valigie direttamente dai sedili posteriori.

MOTORIONLINE.COM – BMW Serie 5 MY 2017, l’ammiraglia bavarese del futuro
Lo si capisce immediatamente dal profilo esterno, che abbiamo avuto l’opportunità di immortalare sulle sponde del lago di Garda. Nell’immediato le differenze con la versione precedente possono non essere immediate, ma ci sono. È più che sufficiente affiancare le foto delle due auto per rendersi conto che la nuova versione è diventata decisamente più muscolosa, quasi come uno schermidore che decide di darsi alla lotta libera. Certo, nemmeno la precedente variante era un fuscello, ma nel modello 2017 tutto è divenuto più grande ed evidente, a cominciare dalla caratteristica griglia a doppio rene, la cui cromatura è diventata quasi a sbalzo, rendendola più impattante

MOTORPAD.IT – Settima generazione della berlina BMW Serie 5
Non ha soltanto più spazio a bordo la nuova Serie 5, è anche più leggera di un centinaio di kg grazie alla piattaforma CLEAR, come sulla Serie 7, che impiega anche magnesio e alluminio. I motori sono i noti 4, 6 e 8 cilindri di Monaco cominciando dai due turbodiesel di 2.000 cc da 190 CV per la 520d e il 6 cilindri di 3.000 cc da 265 CV con cambio automatico a 8 rapporti per la 530d. Seguono i benzina, 4 cilindri turbo di 2.000 cc da  252 CV per la 530i anche questo con il cambio automatico a 8 rapporti, il 6 cilindri turbo di 3.000 cc da 340 CV per la 540i e il V8 biturbo di da 461 CV della 550i; la trazione integrale è sempre disponibile, di serie o a richiesta. Nei primi mesi del 2017 arriverà la versione ibrida 530e con una autonomia in modalità elettrica di 45 km.

OMNIAUTO.IT – BMW, tante novità dalla primavera 2017
Grossa berlina di segmento E dalle linee slanciate ma al contempo imponenti, la Serie 5 è un concentrato di tecnologia su ruote. Rispetto alla generazione precedente, lo stile non è rivoluzionario ma segue i canoni già introdotti dall’ammiraglia Serie 7, con la grossa calandra a doppio rene che viene resa più tridimensionale e che arriva a toccare i fari a LED. Dalla sorella maggiore eredita anche le prese d’aria nei passaruota anteriori. Anche all’interno si respira un’aria da “classica” BMW, con lo sviluppo orizzontale delle linee della plancia e la console centrale rivolta verso il guidatore. A fare la differenza però è la cura dei dettagli, ancora più elevata rispetto a prima, e il nuovo sistema di infotainment che ora comprende uno schermo touchscreen che può essere usato anche con comandi gestuali. Da vera BMW sono anche l’handling e il piacere di guida, nonostante la Serie 5 non sia proprio un’auto piccola (è lunga 4,93 metri e ha un passo di quasi tre metri). Questo grazie all’utilizzo di materiali leggeri che le fanno perdere fino 100 kg rispetto al modello precedente. Utilizzata spesso come auto di rappresentanza, è anche adatta ad un uso più “familiare”: il suo bagagliaio misura 530 litri, è piuttosto versatile e ci sono tanti dispositivi dedicati alla sicurezza.

PANORAMAAUTO.IT – Nuova BMW Serie5, un salto nel futuro
La BMW Serie5 è un’istituzione: dal 1972 ad oggi ne sono state vendute nel mondo sette milioni e novecentomila, di cui due milioni solo dell’ultima generazione. Quindi come migliorarla ancora? Semplice, rendendola più snella (fisicamente e visivamente) e infarcendola di tecnologia.

REPUBBLICA.MOTORI.IT – Bmw Serie 5, a febbraio la settima generazione
Oltre al leggero lifting stilistico, l’affinamento ha prodotto un miglioramento del coefficiente di resistenza aerodinamica con un cx che raggiunge il valore di 0,22, mentre l’assetto Integral Active Steering, ora può essere abbinato alla trazione integrale xDrive.
Sul fronte dell’assistenza alla guida spiccano invece numerosi sistemi e grazie alla telecamera stereo di serie, in combinazione con i sensori radar e a ultrasuoni (optional), il monitoraggio di quello che avviene intorno all’auto è costante. La Serie 5 dispone quindi dell’Assistente per evitare un ostacolo, dell’Avvertimento di traffico trasversale, dell’Assistente per il cambio di corsia e per il mantenimento della corsia con protezione attiva anticollisione laterale e in caso di rischio imminente di collisione, interviene sullo sterzo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *