WCENTER 0XQEBFHNLO                epa05259569 German Formula One driver Sebastian Vettel of Scuderia Ferrari sits in the garage before the first practice session at the Shanghai International Circuit in Shanghai, China, 15 April 2016. The 2016 Chinese Formula One Grand Prix will take place on 17 April.  EPA/DIEGO AZUBEL

Povero Re…e povero anche il cavallo !

Si, le parole di quel geniaccio Enzo Jannacci nella canzone “ Ho visto un Re” si adattano perfettamente alla situazione della Ferrari che abbiamo visto anche a Sepang, in Malesia. Una foto che rispecchia fedelmente la situazione ormai precaria dell’accoppiata Vettel – Ferrari in questa stagione 2016.
Indubbiamente Sebastian Vettel è un Re, con i suoi quattro titoli iridati, unico pilota in attività con un tale palmares. Ma come il Re della canzone di Jannacci è proprio malmesso. Povero Re!
Ma povero anche il cavallo!
Perché una Ferrari così non ce l’aspettavamo proprio. Dopo le promesse invernali, le prime difficoltà primaverili, le delusioni estive, ora, con l’arrivo dell’autunno, Il Re Vettel si trova a cavalcare un cavallo davvero bolso. La riprova ce la danno le fatiche di Raikkonen per cercare di stare a galla. E le conseguenze sono purtroppo sotto i nostri occhi, come dimostrano le classifiche.
Una Mercedes imprendibile, una Red Bull all’arrembaggio e sempre più concreta, che sa approfittare dei momenti deboli della Mercedes, una classifica costruttori che ormai di rosso è destinata a colorare solo il terzo posto a fine stagione e nulla più, e le vittorie in prospettiva sempre meno probabili rendono la stagione 2016 davvero povera: povero anche il cavallo, appunto.
Non spetta certo a noi indicare le ricette, ma la delusione in giro è davvero tanta.
Quel che è peggio è che l’attenzione sulla Formula 1 dei nostri mezzi di informazione, giornali e TV, è sempre meno presente: spazi ridotti sui quotidiani, specialmente i non sportivi, e notizie sulla gara malese relegate in coda alla Domenica Sportiva con un flash di 2 minuti in onda quasi all’una del mattino. Si sa, la Formula 1 in Italia è sempre e solo Ferrari. Ma se la Ferrari fa cilecca, come sta accadendo quest’anno, per l’informazione italiana la Formula 1 non esiste, o quasi. Insomma, ci rimettono anche la Formula 1 ed i suoi appassionati che già devono ricorrere al satellitare per poter gustare il proprio sport preferito.
Povera F.1! Povero Re… e povero anche il cavallo.
E Jannacci aggiungeva: “ …e il Re piangeva…”. Non vorremmo che anche Vettel arrivasse al pianto: qualche segno di isteria purtroppo lo abbiamo già visto.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *