topbrand2

Quali Brand automobilistici sfruttano meglio i Social nel nostro Paese?

Quali sono le case automobilistiche più seguite sui social media? Quali i contenuti e le strategie editoriali più efficaci?
Ce lo svela il sito web specializzato Blogmeter.it con l’analisi mensile “Top Social Brands”, l’osservatorio dedicato alle performance sui social media dei brand in Italia.

Su Facebook dominano BMW e Mercedes
La top 5 inizia con Facebook di BMW in italiano, che ottiene quasi 173 mila interazioni a novembre, grazie soprattutto al grande numero di post pubblicati durante #Eicma2016. Al secondo posto troviamo Peugeot, il cui post più coinvolgente del mese è dedicato alla #Peugeot205. Saltando momentaneamente la terza e la quarta posizione della classifica relativa al total engagement, al quinto posto si posiziona la pagina Facebook di Mini che pubblica una media di due post al giorno, la maggior parte dei quali consiste in foto suggestive ed evocative dei suoi modelli.   
Nella classifica relativa ai nuovi fan di Facebook domina la pagina di Mercedes-Benz, che colleziona oltre 30 mila nuovi fan a novembre: la casa automobilistica tedesca, quarta per numero totale di interazioni, condivide spesso foto di utenti Instagram che hanno come protagonisti i modelli Mercedes ottenendo in questo modo un elevato numero di interazioni. Segue al secondo posto Audi, a sua volta terza per engagement, che genera un boom di interazioni con il lancio della nuova #AudiRS3LMS. 
Nelle successive tre posizioni, incontriamo Smart che con la sua #forfour #BRABUS conquista il popolo di Facebook; in quarta posizione Mitsubishi, che a novembre ha lanciato la New Mitsubishi ASX e infine quinto posto per Land Rover, che realizza un grande successo social durante il Los Angeles Auto Show.
Su Twitter: Peugeot, Mercedes e il successo delle campagne hashtag
Sul social dei 140 caratteri l’auto più performante in termini di engagement con quasi 18 mila interazioni è Peugeot, che coinvolge a novembre con l’iniziativa di successo #scattopeugeot e risulta tra l’altro essere uno dei profili più attivi del panel (circa 6 tweet al giorno). Segue a grande distanza il profilo italiano di Toyota che invece fa il pieno di interazioni con un tweet contenente il trending hashtag #SbarackObama, ottimo esempio di real-time marketing. Completano la classifica due brand automobilistici il cui successo è legato all’efficacia su Twitter delle loro campagne hashtag: innanzitutto, BMW, quarta per engagement e quinta per nuovi fan, che appassiona gli utenti con la campagna #BMWInnovision. E ancora, Audi, quinta per engagement e quarta per ampiezza della community, che fa il botto con #untaggabble, la campagna di lancio di Audi Q2.
Su Instagram i migliori sono Maserati e Mercedes. Boom di interazioni con influencer ed eventi
Al vertice della top 5 dell’engagement il profilo Instagram italiano di Maserati, che ottiene il picco di interazioni il 20 novembre con l’iniziativa #EscapeFromTheCity  
Medaglia d’argento per Audi sia per engagement che per nuovi fan, profilo che si aggiudica il post più coinvolgente del mese. La quarta auto più coinvolgente su Instagram è Jaguar che punta sullo stile e sul design, non è infatti un caso che due tra gli hashtag più engaging utilizzati dalla casa automobilistica britannica siano #cardesign e #jaguarstyle. 
Tripletta per Mercedes-Benz che anche su Instagram si conferma il profilo più bravo a collezionare nuovi seguaci: circa 3,3 mila follower in più a novembre e tante interazioni (quasi 37 mila) in occasione del #BolognaMotorShow. Segue in terza posizione BMW, profilo più attivo del mese con un totale di 63 post, che si posiziona quinto nella classifica dell’engagement. 
Agli ultimi gradini della top 5 dei new fan su Instagram troviamo infine il profilo di Lancia con il suo hashtag di successo #ypislonlovers. Infine, il profilo di Land Rover che pubblica diverse foto scattate dai cosidetti social photographer che hanno come protagoniste le auto della casa britannica.  (Tratto da Bogmeter.it)

topbrand1

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *