kadjar2

Renault con Kadjar scommette sulla Cina e sfida VW e FCA

Renault scommette, anzi rilancia sul mercato dei suv-crossover e svela Kadjar, sport utility di taglia media. Ma non solo: la casa francese punta per la prima volta sulla Cina. Il nuovo Kadjar, lanciato ieri a Parigi, è dichiaratamente basato sul best seller Nissan Qashqai, cioè il modello che introdotto nove anni fa, e ora alla seconda generazione, ha cambiato il mercato dell’auto in Europa e ha di fatto svelato il concetto di crossover di taglia media.
«Oggi – ha dichiarato Carlos Ghosn, numero uno dell’alleanza Renault Nissan dal palco della Cité du Cinéma, dove si è svolto il reveal del Kadjar -, puntiamo con maggiore focalizzazione sullo strategico mercato dei crossover e dei suv, un settore che in Europa ha totalizzato lo scorso anno 18 milioni di esemplari, in pratica un’auto su cinque nel vecchio continente appartiene a questa tipolgia di vetture che ci ha visto protagonisti con Captur».
L’inatteso successo di questo modello, 200mila esemplari secondo Ghosn, ha probabilmente accesso una spia sul cruscotto della plancia di comando del gruppo transalpino che ha svoltato così verso il ricco mercato dei crossover e dei suv anche per adeguarsi alle esigenze del fondamentale mercato cinese. «Kadjar – ha detto Ghosn – è costruito a Valencia ma dal 2016 sarà assemblato anche in Cina dove il mercato auto è per il 30% composto proprio da sport utility vehicle». Renault, dunque, punta verso l’ex-celeste impero, sull’area geografica di interesse dell’alleata Nissan.
Con Kadjar la Régie sfida apertamente i concorrenti, Volkswagen in testa e in prospettiva anche Fca che con Jeep Renegade e Fiat 500X ha lanciato quest’anno l’assalto nel mercato dei suv crossover compatti, quelli di segmento B, sfidando a sua volta apertamente anche Renault e la sua Captur, numero uno del segmento in Europa. Ora la casa francese con Kadjar riporta la partita nel segmento C. E viene da chiedersi come mai non lo abbia fatto prima, visto il successo di Nissan Qashqai.
«Kadjar – ha dichiarato Ghosn – è parte di un piano di sviluppo di prodotti che nei prossimi mesi vedrà il lancio di numerosi modelli a partire dalla nuova generazione di Espace (basato anch’esso sulla piattaforma modulare Cmf – Commom Module Family che dà vita all’attuale generazine del Nissan Qashqai, ndr). Il piano comprende una vettura media (erede della Megan) una di taglia piu grande (sostituta di Laguna) e – ha affermato il numero uno del gruppo franco nipponico – è previsto anche un pick-up. Renault cosi sta dando così esecuzione a una strategia di sviluppo globale che contempla vetture elettriche (e a breve ibride) e dunque fa leva si una comunque forte focalizzazione green, anche se meno «estrema» di quella espressa negli anni passati.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *