2renault-talisman

Talisman: Alice nel Paese delle meraviglie

L’Ospite di Autologia: Renato Cortimiglia.

Se bastasse il nome per decretare il successo di un’auto gli armadi delle Case automobilistiche non sarebbero pieni di scheletri.
Nell’Anno della Scimmia appena iniziato Renault ha deciso di fare debuttare sul mercato europeo la Talisman, che già da quattro anni produce e vende dentro la Grande Muraglia.
Il Talismano è un oggetto segnato dai segni magici e si crede che conferisca i propri poteri al portatore o che dia una protezione soprannaturale. La procedura astrologica di eleggere il momento giusto per un Talismano, per uno scopo specifico, è molto simile a quella delle norme di quel ramo dell’astrologia che si occupa di trovare i tempi di buon auspicio per le diverse iniziative e i vari progetti, non importa se siano grandi o piccoli, ma trovare il momento migliore è importante. Renault deve avere tratto gli auspici che questo è il momento migliore per riproporsi con un’auto alto di gamma. Il mercato è prodigo di successi commerciali per tutti e la voglia di fare vendite anche con un’auto alto di gamma è condivisibile.
Il passato non ha certo incoraggiato gli esperti di marketing francesi, che però in quanto a… coraggio vanno elogiati, perché a proposito di scheletri negli armadi, Renault ne ha una collezione non indifferente. Safrane, Latitude, Laguna sono in quel cimitero dei buoni propositi la cui sacerdotessa incontrastata rimarrebbe Vel Satis se non fosse che Avantime gli contende il ”carisma” forte di un flop ineguagliato.
Talisman avrà il grande potere di scrivere una pagina nuova e diversa?
“Luminosi nella luce dorata. La vita, che cos’è se non un sogno?…”
Così Lewis Carroll chiude il più fantastico dei sogni, il viaggio di “Alice nel Paese delle meraviglie”, un viaggio nel regno dell’immaginario, nei meandri dell’inconscio dove passato, presente e futuro coincidono.
Sognare è un privilegio, un dono, un piacere concesso a tutti gli uomini. Anche alle donne, ovviamente. Anche a Talisman. Alla quale auguro il lieto fine che a conclusione del fantastico viaggio è stato riservato ad Alice.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *