motorefreddo

È utile scaldare il motore quando fa molto freddo ?

Sfatare una falsa credenza è sempre piacevole. Lo conferma il sito web Esquire.com, che smentisce l’esattezza di un comportamento che da sempre tengono gli automobilisti quando trovano la propria congelata dal freddo invernale.

Infatti ci chiarisce che: l’inverno è arrivato, e tornano le abitudini di sempre. Prima di partire nel gelo o nella neve, la regola che si tramanda è accendere il motore, lasciare che si riscaldi 5 o 10 minuti. Ebbene, contrariamente al senso comune, questa procedura non allunga la vita del tuo motore: anzi la accorcia, portando via l’olio da cilindri e pistoni.

In pratica, un motore a combustione interna lavora usando i pistoni per comprimere all’interno dei cilindri una miscela di aria e carburante vaporizzato. La miscela così compressa è poi accesa da una scintilla per creare la combustione: una piccola esplosione controllata che dà l’energia al motore.

Quando il motore è freddo, è più difficile per la benzina evaporare e creare la corretta percentuale rispetto all’aria. Ma i motori a iniezione elettronica hanno dei sensori che compensano questa mancanza dovuta alla temperatura, semplicemente pompando più carburante. Il motore continua a funzionare con questa miscelazione arricchita finché non si riscalda e raggiunge una temperatura superiore ai 4 gradi sopra lo zero.

La vita dei componenti come la fascia elastica del pistone e la camicia del cilindro può essere notevolmente ridotta dall’azione di “lavaggio” dell’olio lubrificante da parte della benzina, oltre al fatto dello spreco di carburante aggiuntivo che serve per la miscelazione “arricchita”. Accendere la macchina e metterla in movimento, partire subito insomma, è il modo migliore per riscaldare il motore il più in fretta possibile, e farlo così tornare alla temperatura oltre la quale l’iniettore smette di compensare aggiungendo più benzina del necessario. Stare fermi è poco utile per riscaldare il motore, perciò, togliere il ghiaccio dal parabrezza, accendere e via senza esagerare nelle accelerate.

Riscaldare il motore è una pratica che proviene dal passato, da un’epoca in cui i motori a carburatore dominavano la scena. I carburatori miscelano aria e benzina, ma non hanno sensori per rilevare la mancanza di carburante dovuta al freddo ed effettuare l’aggiustamento necessario. Di conseguenza, con le auto vecchie bisogna sì lasciare che il motore si scaldi, altrimenti si spegnerà. Ma da quei tempi sono passati trent’anni.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *