asaps3

Ogni volta che un bambino perde la vita sulla strada, il colpevole è sempre un adulto

La sicurezza dei bambini a bordo delle auto è un problema che dovrebbe essere ormai abbondantemente superato. E invece non è così, incredibilmente continuiamo a sentire notizie dai telegiornali che parlano di piccole vittime sulle strade.
Riportiamo qui sotto il comunicato stampa diramato dall’ ASAPS (Amici e sostenitori polizia stradale) che ci fa un drammatico resoconto della situazione
“Un anno veramente da dimenticare e che dà il senso di una sconfitta il 2016 per i bambini sulle strade con 53 piccole vittime. Ben 11 in più rispetto ai bimbi che hanno perso la vita nel 2015 +26%.
Il più triste degli Osservatori dell’ASAPS, quello che raccoglie i dati delle giovani vittime della strada nella fascia cha va da 0 a 13 anni, ha registrato 1.049 incidenti significativi nei quali oltre alle vittime mortali sino contati anche 1.312 feriti con lesioni importanti. Delle 53 piccole vittime 15 erano straniere o di origine straniera 28%. Lo scorso anno erano state 11, pari al 26%.
Dei 53 bambini deceduti 34 erano maschi e 19 femmine. L’osservatorio nel 2016 ha registrato anche 5 bambini morti “prima di nascere” a causa di incidente stradale. 2 decessi intrauterini e 3 in gestanti decedute nell’incidente.
Le piccole vittime registrate dall’ASAPS nel 2015 erano state 42 e 65 nel 2014. L’Osservatorio il Centauro-ASAPS non ha la pretesa di avere raccolto tutti gli eventi, ma certamente i più gravi attraverso le notizie delle agenzie di stampa e quelle raccolte dai propri 600 referenti sparsi sul territorio nazionale e comunicate alla sede di Forlì. 
Delle 53 giovanissime vittime 30, pari al 57%, erano trasportate a bordo dei veicoli (24 nel 2015) e questo aspetto comunque ripropone drammaticamente il tema del fissaggio dei nostri piccoli sui seggiolini. Non si conosce il dato di quante fra queste 30 vittime fossero regolarmente allacciate, anche se si può ritenere che una percentuale significativa non fosse trasportata a norma. In particolare nei casi di espulsione dall’abitacolo del mezzo dopo lo schianto. 4 bambini erano trasportati su una moto.
3 bambini sono stati travolti con la loro bicicletta (7 nel 2015). 16 erano a piedi per strada e qui il peggioramento è netto rispetto ai 9 piccoli pedoni morti nel 2015, erano stati 25 nel 2014.
Ma quali sono le strade più a rischio per i piccoli? Sono 568 gli incidenti avvenuti nei centri urbani, (54%) nei quali hanno perso la vita 21 bambini, 40%, (13 nel 2015) e 637 sono rimasti feriti (48%), un dato che sfata l’idea che le strade urbane vedano solo incidenti non gravi. 
Sulle strade statali e provinciali gli incidenti sono stati 345 (33%), ma si sono contate 21 piccole vittime come sulle strade urbane (21 anche nel 2015) con 489 feriti. 
Solo 67 gli episodi sulla rete autostradale che hanno causato però 6 decessi, 11%, (nel 2015 le vittime furono 5), mentre 104 bambini hanno dovuto ricorrere alle cure dei sanitari (8%). Ci sono poi 5 decessi di bambini avvenuti in incidenti nei campi o su strade adiacenti mentre erano a bordo di  macchine agricole o sono stati travolti a terra.
Fra le più giovani vittime della strada il maggior numero si conta nella fascia che va da 6 a 10 anni con il record di 23 vittime mortali 43%. Fra i piccolissimi della fascia da 0 a 5 anni le vittime sono state 16 pari al 30%. Infine sono stati 14 i decessi nella fascia da 11 a 13 anni 27%. 
In 23 incidenti il conducente del veicolo coinvolto è risultato ubriaco o drogato. Sono stati invece 72 gli incidenti causati da pirati della strada (50 nel 2015 e 53 nel 2014). Ricordiamo infine che 63 incidenti sono avvenuti in prossimità delle scuole (58 nel 2015) e 11 hanno coinvolto direttamente degli scuolabus (12 nel 2015)
Le regioni che segnano il più elevato numero di  incidenti con  bambini sono la Lombardia con 226, segue il Veneto con 106, l’Emilia Romagna con 85, il Lazio con 76 la Toscana con 73.
Il più alto numero delle piccole vittime lo fa segnare però ancora in Toscana come nel 2015 con 6 bimbi che hanno perso al vita, stesso numero nel Lazio, seguono con 5 Emilia Romagna, Puglia e Sicilia, e con 4 la Lombardia, il Veneto e le Marche.

L’ASAPS insiste nel ricordare che ogni volta che un bambino perde la vita sulla strada, il colpevole è sempre un adulto. Deprime il sensibile peggioramento dei dati del 2016 rispetto a quelli del 2015 anche se non si è toccata la cifra terribile di 65 piccoli morti del 2014. Ripetiamo, il nostro sogno è quello di mettere solo degli zero nelle caselle del nostro Osservatorio. Per questo l’associazione continuerà con insistenza la sua campagna di informazione per tutelare  i nostri bambini sulle strade facendo appello agli adulti!”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *