peugeot_308_sw_1

Analisi critica della Peugeot 308 SW BlueHDi 2.0 GT

La casa del leone francese ha da sempre nel DNA un cuore sportivo. Lo ritroviamo con piacere su quest’auto, una station wagon che presenta una motorizzazione decisamente pepata (2.000 cc con 180 cv) e con l’allestimento GT, visibile in modo evidente anche nell’estetica. Minigonne e forme sportiveggianti su una station wagon? Sì e nella dinamica è ancora meglio!

Appena si entra nell’ abitacolo si dimenticano le misure da station (4,59 x 1,80 mt.), ci si accomoda sui sedili sportivi con pelle mista a un’elegante alcantara e si prende subito contatto con l’elemento più atipico per chi non frequenta spesso Peugeot: il volante, decisamente più piccolo di ogni altra concorrente. Ma è questione di poche curve e l’impugnatura diventa subito famigliare. Il cruscotto è decisamente racing, con cuciture rosse sulla pelle e ogni comando al suo posto.

Fa eccezione – come già rilevato in passato – lo spazio dietro il volante della mano sinistra: sono presenti in pochi centimetri le frecce, il paddle del cambio al volante e il comando del cruise control. Decisamente troppo! Il cambio è automatico, non velocissimo, ma idoneo a una station wagon. Tuttavia, è la dinamica di guida che rende davvero unica quest’auto: incredibilmente agile (1.425 Kg), ottima tenuta di strada e una stabilità in curva che perdona anche gli errori più evidenti. Le gomme Michelin ci hanno stupito ancora una volta. Montate su cerchi generosi da 18 pollici, gli pneumatici 225/40 ben ribassati irrigidiscono a sufficienza il telaio della vettura, ma non lo rendono scomodo neanche su tombini profondi. In particolar modo, tutta l’auto e gli pneumatici ci hanno sorpreso nella guida sotto la pioggia che non ci ha mollato un attimo durante i 1.500 Km di questa prova. Quasi completamente assente l’effetto aquaplaning, la Peugeot mantiene una decisa direzionalità anche in mezzo a profonde pozzanghere e su strade decisamente sconnesse. Un più deciso per questa caratteristica che strizza l’occhio ala sicurezza stradale.

Se il motore ci ha soddisfatti, con una coppia (400 Nm) generosa ed efficace almeno fino a 3.000 giri, lo stesso non si può dire dei consumi. In autostrada, si viaggia bene, almeno

fino ai 110 Km/h con accelerazione costante e un consumo lineare di 20 Km/l, davvero ottimo. Poi, però, passando ai 120 e peggio ancora ai 130, il consumo peggiora (si passa a 16 e poi a 15 Km/l), proprio nelle velocità più importanti per chi viaggia in autostrada.

In città, invece, non si riesce a fare meglio di 12 Km/l, davvero un po’ poco. Ci saremmo aspettati di più, anche se va detto che il peso dell’auto comprensiva di passeggeri, liquidi e bagagli e la massa incidono nello start and stop continuo che le strade cittadine impongono. A proposito, su questa 308 abbiamo trovato il primo Start&Stop che non ci ha fatto innervosire. Davvero silenzioso e veloce nel suo funzionamento. Bravi gli ingegneri Peugeot!

Il bagagliaio merita un altro +. Si passa da un minimo di 600 litri di capienza e si può arrivare fino a 1.600 litri, con un vano di carico davvero comodo per chi carica valigie,
biciclette, tavole e armamentari famigliari vari. Ed essendo una station, si intuisce che questo è davvero un bel colpo rispetto ad alcune concorrenti.

Chiudiamo questa prova, come facciamo sempre, con quello che noi consideriamo il parametro più importante per un’auto: il rapporto peso/potenza. La 308 station wagon 2.0 GT con cambio automatico pesa a secco 1.425 Kg e ha 180 cavalli. Si tratta di un

rapporto peso/potenza di 7,92 ovvero ogni cavallo è chiamato a spingere poco meno di 8 Kg. Non è un risultato da sportiva vera, ma trattandosi di una station è davvero dignitoso e le consente di raggiungere i 218 Km/h di velocità massima e di passare da 0 a 100 Km/ h in 8.6 secondi.

DATI TECNICI DELLA PROVA

Nome: Peugeot 308 sw BlueHDi 2.0 con allestimento GT

Data: novembre 2016

Km iniziali: 14.218

Km finali: 15.809

Km totali: 1.591 Km

Velocità media: 74 Km/h

Consumo medio: 6,9 l/100Km = 14,49 Km/l

Peso: 1.425 Kg

Motore: 4 cilindri diesel

Cavalli: 180

Coppia: 400 Nm

Rapporto peso/potenza: 7,91 Kg/cv

PREGI

Design sportivo su una station wagon

Generosità del motore fino a 3.000 giri = ottima coppia

Gran comportamento in curva

Consumi in autostrada

Cruscotto

Bagagliaio

Appoggia gomito destro allungabile

DIFETTI

Consumi in città!

Scomodità regolazione lombare nei sedili

Visibilità retro laterale

Non c’è il portacellulare!

Un po’ di confusione con la mano sinistra dietro il volante

SCARTO TACHIMETRICO

100 Km/h segnati sul cruscotto corrispondono a 96,2 Km/h

110 Km/h segnati sul cruscotto corrispondono a 106 Km/h
120 Km/h segnati sul cruscotto corrispondono a 117 Km/h

130 Km/h segnati sul cruscotto corrispondono a 127 Km/h

140 Km/h segnati sul cruscotto corrispondono a 137 Km/h

CONSUMO reale a velocità rilevata satellitarmente

a 100 Km/h satellitari = 23,81 Km/l a 110 Km/h satellitari = 20,41

a 120 Km/h satellitari = 16,13 a 130 Km/h satellitari = 15,38 a 135 Km/h satellitari = 14,93 a 140 Km/h satellitari = 13,70

Inconvenienti: nessuno
Giudizio finale per TurismoinAuto: 81/100
Se vuoi vedere la fotogallery completa della prova, clicca qui: http://www.turismoinauto.com/1/peugeot_308_sw_2_0_gt_photo_gallery_202936.html

peugeot_308_sw_2

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *