BahrainGp

BahrainGp a porte chiuse. Ma come controlleranno i team?

Il Bahrain ha deciso di confermare il suo Gp, in programma il 20 marzo, ma di chiudere le porte agli spettatori.

Detto che in a Bahrain non ricordo code ai botteghini, ha senso per evitare la diffusione del contagio rinchiudere comunque 2.500/3.000 persone in autodromo e farle lavorare a stretto contatto? Perché un conto è chiudere le porte a una partita di calcio, un’altra chiuderle a un Gp con tutto il carrozzone di ingegneri, meccanici, addetti a ristorazione, pulizie, sicurezza, media che si porta dietro….

Ci saranno controlli per chiunque entri in autodromo, piloti compresi? In più, avendo annullato i voli diretti come faranno le squadre ad arrivare? Verranno riaperti i voli solo per la Formula1?

La situazione mondiale è complessa, la Formula 1 è un piccolo granello oggi marginale, ma a una settimana dalla gara australiana per ora confermata, è giusto parlarne…

Voi direte se si corre in Australia è giusto correre anche in Bahrain… Speriamo in un’evoluzione positiva del tutto…

“Dopo una consultazione con i nostri partner internazionali e con la Task Force nazionale per la salute del Regno, il Bahrain ha deciso di organizzare l’evento come riservato ai soli partecipanti” hanno spiegato.

“Come nazione ospitante della F1, assicurare il benessere di tifosi e partecipanti alla gara è una responsabilità enorme”.

“Data la continua diffusione del COVID-19 a livello globale, l’organizzazione di un grande evento sportivo aperto al pubblico, che consentirebbe a migliaia di fan di interagire a stretto contatto, non sarebbe la cosa giusta da fare al momento”.

“Ma per garantire che la salute degli addetti ai lavori e dei tifosi, lo stesso weekend di gara continuerà comunque come un evento televisivo”.(topspeed.blog)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *