2Social_Bus

Con GoGoBus “condividi” il tuo viaggio

Quando il pullman diventa social e si trasforma in una soluzione di mobilità alternativa e divertente.
“Sentiamo spesso parlare di car sharing, di ride sharing, di bike sharing, ma di bus sharing? A fine 2014 ci siamo posti questa domanda. E abbiamo deciso di dare una risposta concreta, creando GoGoBus”.
Ecco cosa racconta Alessandro Zocca, CEO di GoGoBus (http://www.gogobus.it/), la piattaforma social di bus sharing, che vuol essere un’alternativa di mobilità in Italia.
“Il funzionamento della piattaforma attraverso il sito web e l’app, è molto semplice: un utente cerca una destinazione – se non la trova può proporla – e la condivide sui suoi canali social in modo che chi vuole aggregarsi per il viaggio in pullman possa farlo subito. Al raggiungimento della trentesima prenotazione, la partenza viene confermata e GoGoBus conferirà l’incarico a un’azienda di autonoleggio convenzionata – spiega Alessandro – Se il pullman si riempie ogni persona può risparmiare fino al 40% rispetto al prezzo iniziale. In questo modo sa che il costo sarà via via inferiore, non subirà rialzi e non aumenterà all’avvicinarsi della data di partenza come avviene spesso per treni e aerei.”
GoGoBus è un modo di viaggiare a basso costo, in modo sicuro, flessibile, con anche qualche comodità in più: “pensiamo, ad esempio, all’opportunità di poter portare con sé un numero maggiore di bagagli rispetto ad altre tipologie di viaggio, come quella del ride sharing”.
“Ci ispiriamo al modello delle compagnie aree low cost, con collegamenti diretti e che non sempre partono dai centri delle città, per ottimizzare tempi di percorrenza e costi – Noi rappresentiamo una realtà che si affianca alle altre modalità di trasporto e vogliamo dare semplicemente una soluzione in più, per permettere alle persone di avere più possibilità di scelta e di poter sperimentare anche un nuovo modo di viaggiare e di organizzare un viaggio, vivendo un’esperienza che si concentra molto anche sull’aspetto legato alla condivisione. Quest’ultimo elemento è importante non solo dal punto di vista “sociale”, ma anche per quanto riguarda il lato economico: il costo del noleggio, infatti, si divide tra i partecipanti e quindi il prezzo che paga il singolo viaggiatore diminuirà all’aumentare del numero di passeggeri. Inoltre, abbiamo avuto modo di studiare anche modelli di bus sharing sviluppati a Singapore o in Egitto, e si tratta di realtà che funzionano e che rappresentano delle valide alternative nell’ambito della mobilità.”.
GoGoBus non effettua un servizio di linea (a differenza di altri operatori come Megabus) ma si basa sulle proposte e sulle iniziative della propria Community: sono i suoi utenti che decidono da dove partire, quando partire e dove arrivare, in completa autonomia e iniziativa, anche per destinazioni ed eventi speciali come parchi divertimento, località sciistiche e balneari, concerti.
“Un altro punto di forza di GoGoBus, che lo rende un servizio unico nel suo genere, lato B2B, è l’ottimizzazione dei viaggi in autobus – spiega Alessandro – spesso le aziende di autoservizi si trovano costrette ad effettuare dei viaggi a vuoto: per esempio quando accompagnano un gruppo in un determinato luogo e lo devono andare a riprendere dopo giorni.  In questo modo l’autobus viaggia per due volte senza nessun passeggero.
GoGoBus dà la possibilità ai propri partner di inserire queste tratte sulla piattaforma e di riempire i posti vuoti. Per il fornitore è presente, quindi, la possibilità di ottenere un guadagno extra e di ottimizzare le spese.”

Il team dell’Azienda è composto da: Emanuele Gaspari (31 anni – ingegnere informatico) nel ruolo di responsabile tecnologico, Leonardo Matera (28 anni – laureando in Scienze Politiche) e Michele Papaleo (20 anni – studente di Relazioni Pubbliche) che si occupano rispettivamente della gestione operativa e del marketing digitale.
Dopo una prima fase di test, conclusa positivamente tra dicembre e gennaio, ottenuto un finanziamento di 130mila euro, l’attività di GoGoBus è iniziato nel 2014 con lo sviluppo della piattaforma e la creazione di una rete di fornitori certificati. Oggi, l’azienda offre il suo servizio in Italia e studia anche altri Paesi europei per allargare l’offerta: “Vogliamo sottolineare, inoltre, che il mercato in cui andiamo a operare in Italia conta 2 miliardi di fatturato (da fonte Anav) e sono 7 milioni le persone che prendono il pullman nel nostro Paese (il 47% dei quali per fini turistici): noi, con GoGoBus vogliamo cercare di dare il nostro contributo per ampliare la base di utenza, guardando anche all’Europa (che in questo mercato registra 15miliardi di fatturato).”
Sicurezza, condivisione e flessibilità: sono questi i punti fondamentali su cui si fonda il progetto. “Si tratta di una soluzione completamente legale e sicura. Ci rivolgiamo, infatti, ad aziende di autonoleggio autorizzate e certificate, dove i guidatori sono autisti professionisti e siamo a nostra volta assicurati. Chi viaggia con GoGoBus, quindi, può viaggiare tranquillo.”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *