carsale

Kmveri.it per tracciare la vita reale delle auto usate

Capita che, bruciati da una brutta esperienza, possa venire improvvisamente un’idea per far qualcosa in modo che non si ripeta più. È il caso del signor Francesco Paolo Bongiorno, che dopo esser stato truffato da un venditore disonesto che, come capita spesso, gli ha contraffatto il chilometraggio reale dell’auto usata che gli ha venduto, ha deciso di “inventarsi” un nuovo sito web che ovvi a questo inconveniente e che sia di tutela per chi compra, ma anche per chi vende auto usate.
Nasce così Kmveri.it che ha come principale obiettivo quello di ridurre il rischio per che decide di acquistare veicoli usati. Per fare ciò si avvale della collaborazione di vari partners che possano inserire sulla scheda personale dell’auto in questione tutte le informazioni, oltre che sui km reali percorsi, anche sui tagliandi, sulla manutenzione e su eventuali danni subiti a seguito di incidenti. 

L’intenzione quindi è quella di mettere a disposizione di tutti lo stato reale del mezzo scelto quando diventa un oggetto di trattativa commerciale.
Il database viene costruito con l’aiuto di attività commerciali appartenenti a vari settori: carrozzerie, gommisti, elettrauto, meccanici, concessionari e assicurazioni. 

Kmveri.it intende :“… far beneficiare sia i consumatori che i commercianti partners ponendosi come interlocutore cosìcchè ogni auto registrata nel database potrà usufruire di promozioni e buoni sconto per la manutenzione e a sua volta ogni commerciante potrà pubblicare offerte e promozioni per le auto registrate beneficiando anche di professionalità e correttezza. Kmveri.it vuole aiutare il consumatore a costruire fiducia nell’acquisto di un’auto e in tutto il percorso di manutenzione indirizzando ogni acquirente verso i propri partners scelti per professionalità, correttezza e fiducia.”
Noi abbiamo ricevuto questa notizia e la pubblichiamo come incoraggiamento per chi ha idee innovative come questa che, almeno in teoria, vanno in aiuto degli automobilisti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *