stratos

L’Opera Omnia della Lancia Stratos

Per raccontare il fenomeno Stratos non sarebbe bastato un semplice libro. Per la vettura da rally più amata, che è diventata una leggenda, ci sarebbe voluto qualcosa di speciale, ed è arrivata questa “opera unica”, che racconta oltre dieci anni di successi, con tutti i retroscena, dalla  sua prima comparsa al Salone dell’auto di Torino del 1970 fino all’ultima vittoria nel 1982.

È quasi  un’enciclopedia, perché si tratta di un cofanetto che contiene 5 volumi, più la custodia di  6 dvd con 8 ore di filmati . Sicuramente un record per l’editoria motoristica:  20 kg di peso, oltre 4000 pagine e 5000 fotografie.

La collana Reparto Corse Lancia che nel 2013 aveva  debuttato con un libro  dedicato alla Fulvia HF, si è adesso  arricchita con questa nuova storia dedicata a un’altra auto Lancia  che ha fatto la storia dei rally.

È continuata l’ottima collaborazione tra gli editori Enrico e Paolo Borgogno di Ephedis e Gianni Tonti, che da attento Direttore Tecnico presso la squadra corse Lancia dell’epoca, ha raccolto e mantenuto con cura, tutti gli appunti, i verbali e le  schede tecniche di ogni singolo telaio che veniva preparato nell’officina di Borgo San Paolo, sede della squadra corse.

Senza di lui non si sarebbe potuto pensare di affrontare un impegno editoriale  così importante, ma poi ci sono voluti gli interventi di tanti  personaggi che hanno legato la loro vita alla Stratos. Per raccontare non solo la carriera  agonistica, ma anche tutta la storia, dalla  creazione del primo prototipo  da parte della carrozzeria Bertone, all’approvazione da parte di Enzo Ferrari per l’utilizzo dei suoi preziosi motori, alle vicende politiche  interne al Gruppo Fiat, dove c’erano tante gelosie, si sono rese necessarie tante ore di interviste e registrazioni . A partire da Cesare Fiorio che fu, fin dall’inizio, l’anima di tutto il progetto Stratos, hanno dato il loro contributo alla realizzazione del libro tutti i tecnici, i piloti, i navigatori, i meccanici, i giornalisti e i fotografi  che hanno vissuto quelle indimenticabili stagioni  che portarono  alla conquista di tre titoli mondiali, con tre storiche vittorie al rally di Montecarlo da parte del Drago Munari  http://autologia.net/tanti-auguri-drago/, tre titoli europei e quattro campionati italiani.

Per completare l’immenso lavoro di ricerca è stato necessario anche l’apporto di Thomas Popper http://autologia.net/thomas-popper-mister-stratos/ ,

che oggi possiede il più vasto archivio Stratos e l’intervento di due esperti giornalisti del settore  come Sergio Remondino ed Emanuele Sanfront, che hanno ricostruito gara per gara il cammino vincente della berlinetta torinese.

Alla presentazione ufficiale del libro, avvenuta al Museo dell’automobile di Torino, si sono potuti ritrovare, oltre 40 anni dopo, quasi tutti i rappresentanti di quella mitica squadra corse che seppe sbaragliare tutti gli avversari, grazie ad una vettura che vinceva su ogni terreno ad ogni latitudine. Il condottiero Cesare Fiorio con il suo fido assistente Daniele Audetto, lo stilista Marcello Gandini, i tecnici Dallara e Tonti,i piloti Ballestrieri, Carello, Bacchelli, Fassina, Lampinen e Pregliasco, i navigatori Bernacchini, Biche, Maiga, Reisoli e Sodano, il tecnico della Pirelli Giovanni Gariboldi, oltre a tanti fedelissimi meccanici che hanno contribuito in modo determinante alle  vittorie.

Il pubblico, veramente molto numeroso,  oltre ad ascoltare i racconti di questi importanti testimoni di un’epoca leggendaria, ha potuto rivivere una vera atmosfera da gara, grazie a spettacolari filmati d’epoca, con la colonna sonora originale fatta dal 6 cilindri Ferrari che equipaggiava la Stratos. Una sinfonia per gli amanti dei rally.

Per maggiori informazioni consultare www.repartocorselancia.com

paz2

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *