??????????

Al monopattino in autostrada solo 41 euro di multa?

In tanti lo hanno visto sfrecciare tra Rimini Nord e Cesena alla guida del suo monopattino, così sono partite le chiamate alla Polizia che si è attivata, poi ha mandato una vettura che ha fermato l’idiota ventenne e lo ha portato in caserma a Forlì.

Due sono allora i temi che indignano. Il primo è troppo facile: ci vuole soltanto uno svalvolato per immettersi (senza pagare il pedaggio, va da sé) in autostrada con un monopattino e poi scusarsi con gli agenti con questa motivazione: «Non sapevo che fosse proibito. Devo andare a Cesena per un colloquio di lavoro e non volevo fare tardi…» Un cretino, si può sintetizzare, solo che i deficienti si moltiplicano e ogni giorno ne salta fuori uno diverso, e per chi non lo avesse visto gira su Twitter anche questo video che fa rizzare i capelli e che va guardato fino in fondo:

https://blog.quattroruote.it/wp-content/uploads/2020/09/Non-so-cosa-dire1.mp4

Ma il secondo tema fa arrabbiare ancora di più perché riguarda la sanzione comminata al deficiente: 41 Euro che urtano considerando il pericolo corso e fatto correre agli altri, e soprattutto perché per fermarlo è dovuta partire una Pantera della Polizia con quali costi in termini di personale, di tempo e spreco di carburante è facile immaginare.

Ecco il problema: la tutela buonista verso alcuni utenti della strada cozza vergognosamente contro l’accanimento verso gli altri utenti, quelli a quattro ruote in particolare. Per esempio se un automobilista parcheggia con due ruote sul marciapiede la sanzione è di 84 Euro, la stessa riservata a chi invade anche parzialmente una pista ciclabile. Vi pare equo il confronto? No, non lo è, perché ben diversa è la gravità del comportamento. Eppure si lesinano gli incentivi per cambiare il vetusto parco auto a favore di mezzi nuovi più sicuri e molto meno inquinanti, ma si danno incentivi sproporzionati per chi si porta a casa un monopattino da usare bellamente senza alcun rispetto delle regole in città (semafori rossi ignorati, senso di marcia non rispettato, uso sui marciapiedi o sotto i portici quando piove, sorpassi non importa dove e non importa come) e un uso anche sulle provinciali, sulle statali e come si è visto adesso persino sulle autostrade. Pensate a un’automobilista se mai avesse investito quel cretino… E per un gesto così insano la contravvenzione è pari al divieto di sosta più comune. Ma chi promulga le leggi ci è o ci fa? (blog.quattroruote.it)

2 commenti
  1. Filippo
    Filippo dice:

    Purtroppo la targa non serve tanto ad identificare quanto a tassare l’utente, prova ne sia la violazione sistematica ed impunita dell’occupazione dei passi carrabili o dei semplici portoni d’ingresso nei centri storicità parlo per esperienza personale. Quando si chiede la rimozione ai vigili la risposta è che non ci sono i mezzi o non c’è lo spazio. Si rimuovono solo i mezzi dove è più comodo. Le multe a bici e motorini si possono dare, e salate, anche senza le targhe, basta più polizia su strada.

  2. Loriano P. Martinoli
    Loriano P. Martinoli dice:

    Caro Carlo e carissimi colleghi, vi ricordate cosa avvenne nei primi anni settanta quando si prospettò la possibilità di imporre la targa ai ciclomotori? Cì fu una vera e propria sollevazione popolare, sindacati in testa, perché in un momento in cui il settore stava cercando di uscire da una profonda crisi di identità significava mettere a rischio un intero settore produttivo e migliaia di posti di lavoro. Io me ne ricordo bene perché fui io, che allora collaboravo con l’agenzia Euroteam, che era consulente di Piaggio, ad occuparmi di valutare, predisporre e coordinare i vari aspetti informativi sull’argomento, a sostegno degli dell’indispensabile rinvio di un provvedimeto che, preso affrettatamente, avrebbe causato solo danni senza alcun beneficio per gli utenti, per i produttori e pe i lavoratori. E il provvedimento, anche con la scesa in campo di tutta la stampa, specialzizata e no, venne rniviato sine dei (ripropsoto e realizzato dopo quasi vent’anni e più). Tutto questo per dire che se allora sono stato tra quell che hanno combattuto contro la famigerata targa ai ciclomotore, oggi sono invece qui a dire e a sostenere che la targatura deve assolutaemente essere prevista per tutti i veicoli a motori, con qualsiasi forma, “sostanza” e propulsione, che circolino su strada o su percorsi loro riservato o nelle ZTL.
    Questo sopratutto per quanto riguarda i monopattini e le biciclette eltririche con la cosidetta pedalata assistita e che in realtà sono veri e propri ciclomotori con non trascurabilii caratteristiche velocistiche. Che ne dite di una bella propsta di legge di iniziativa popolare??

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *