inci

Nel mondo ogni anno muoiono 1,35 milioni per incidenti stradali

Ricevo dall’Associazione Amici e sostenitori Polizia Stradale (ASAPS) e riporto volentieri

Nel mondo gli incidenti stradali fanno 1,35 milioni di morti l’anno, e sono ormai diventati la prima causa di morte tra i 5 e i 29 anni. Lo afferma il rapporto annuale dell’Oms, secondo cui i più a rischio sono piloti e passeggeri di moto.
Il tasso di mortalità per incidenti stradali, si legge nel documento, è tre volte più alto nei paesi a basso reddito.

In Africa è di 26,6 ogni 100mila abitanti, mentre in Europa è 9,9 ogni 100mila. L’area europea, insieme ad America e Pacifico Occidentale, è tra quelle in cui la cifra è in diminuzione.

Per quanto riguarda la tipologia di vittime il 26% sono pedoni o ciclisti, mentre il 28% piloti o passeggeri di veicoli a due ruote a motore.

L’Italia nel documento figura tra i paesi con meno morti sulle strade, 5,5 ogni 100mila abitanti, lo stesso della Francia, e in generale le politiche sul tema sono promosse, anche se la scheda relativa al nostro paese lamenta una bassa percentuale di bambini che adottano i sistemi di sicurezza, il 38%, e anche di persone che usano le cinture, il 62% nei sedili anteriori e appena il 15% in quelli posteriori.

“Le morti sulla strada sono un prezzo inaccettabile per la mobilità – dichiara all’ANSA il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus – Non ci sono scuse per l’inazione, questo è un problema con soluzioni provate”.

Dati impressionanti questi dell’OMS, come dire che ogni giorno muoiono sulle strade del pianeta terra 3.700 persone. Se ne morisse lo stesso numero per la caduta di aerei, dopo un solo giorno sarebbero interrotti tutti i voli. Si dovrà pur fare qualcosa di meglio per interrompere questo sterminato tracciato fatto di croci no? (ASAPS)

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *