nosmogmobility1

“No Smog Mobility”: un pieno di idee

PALERMO – La mobilità sostenibile, ovvero ecologica e sicura, argomento principale della IX edizione di “No smog mobility” conclusasi giovedì 18 ottobre al Dipartimento di Ingegneria dell’Università.

Un appuntamento, quello organizzato da Gaspare Borsellino, Direttore di Italpress  e da Dario Pennica, Direttore di Sicilia Motori ricco di temi interessanti. A cominciare, dopo i saluti istituzionali del Sindaco Orlando e del Rettore Micari, da quello intitolato “Come cambiano le città con la mobilità condivisa e le nuove forme di mobilità” con conclusioni di Italo Cucci, Direttore Editoriale di Italpress.

Poi ampio risalto ai motori (tra carburanti tradizionali e alimentazioni alternative) con interventi di Davide D’Amico, responsabile Ufficio Stampa Fca Italia, Marco Freschi, responsabile Coordinamento Media e Corporate Psa Italia, Romano Valente, Unrae e Rosario Argento di Fleet&Electric Vehicle Nissan Italia.

Quindi “Premiamo le idee” con argomenti discussi da Fabio Bertolotti, Direttore Assogomma, Carlo Mannu di Bosch e Gianfranco Pizzuto di Jaguar. Ancora “Guida Autonoma: lo stato dell’arte”, moderatore Pierluigi Bonora (Il Giornale) con Roberto Lonardi (Volvo Car Italia), Alessandro Toffanin (Bmw Italia) e Marco Alù (Ford Italia). Spazio anche alle due ruote con Yamaha Motor con Fabrizio Corsi. Per Gaetano Thorel (nella foto con il premio), direttore generale di Groupe PSA Italia, la strategia che il Governo dovrebbe promuovere per svecchiare il parco auto circolante in Italia è quella di “varare due forme di incentivo, una per le auto nuove elettriche e una per l’usato Euro 5 o 6. Esiste già un  ecobonus, andrebbe finanziato di più, per i prossimi tre anni, quello che già esiste. Il budget del 2020 è di circa 20 milioni di euro, non è sufficiente.

Altro tema importante riguarda la confusione tra la visione governativa e quella degli enti locali. Ogni Regione e ogni Comune fa i suoi bandi per gli incentivi, con parametri diversi. Il Governo centrale dovrebbe fornire la scala di riferimento per l’ibridizzazione, con etichette chiare per i consumatori sulle emissioni e sui consumi, sul modello degli elettrodomestici. Si potrebbe usare un algoritmo che lega C02, NOx e Pm10″. Poi Thorel ha evidenziato che tutti i marchi di Psa crescono sul nostro mercato e l’exploit l’ha conseguito Opel con un +68% sui veicoli commerciali. Interessanti i modelli Peugeot e-208, Opel Corsa-e e DS Crossback ETense. Il piano prodotti prevede il lancio entro il 2021 di quattro nuovi modelli elettrici e cinque modelli ibridi ricaricabili con la spina, mentre l’obiettivo al 2015 è di avere una versione elettrificata per tutti i modelli della gamma vetture e veicoli commerciali. Soluzioni sviluppate da Free2Move, marchio di Psa”. Bruno Mattucci, presidente ed amministratore delegato di Nissan Italia ha tenuto, presente il Rettore Micari, una Lectio Magistralis intitolata “La mobilità del futuro: sostenibile, autonoma e connessa”. “Il progresso della mobilità elettrica avrà un impatto determinante sull’economia italiana, perchè in grado di innescare una vasta gamma di filiere industriali. Molte professioni del futuro, come l’e-mobility manager e l’ingegnere specializzato in integrazione tra mobilità e settore energetico, saranno legate ad una maggiore diffusione dei veicoli elettrici. L’appuntamento di Palermo è una delle tappe della nostra roadmap formativa, abbiamo iniziato in maggio a Milano per poi proseguire lungo tutto il territorio nazionale e qui faremo provare agli studenti universitari la nuova Nissan Leaf, l’elettrica più venduta al mondo”. Tommaso Dragotto, presidente di Sicily by car ha ricordato  “l’impegno dell’azienda nel settore del car sharing in Sicilia”.  Ad ottenere l’ambito riconoscimento di Green Prix 2019 Psa e Nissan.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *