Urus

Il Parere degli Esperti. Lamborghini Urus

Il 4 dicembre 2017 è stata ufficialmente presentata alla stampa la nuova Urus. Stefano Domenicali CEO di Lamborghini ha usato queste parole per sintetizzarne le caratteristiche:

“La Lamborghini Urus nasce da un approccio visionario ed è il risultato della combinazione del DNA Lamborghini con la versatilità tipica di un SUV, elevato a un livello finora impossibile: il Super SUV. Per le emozioni che suscita e in termini di design, prestazioni e dinamica di guida questa è una vera Lamborghini, ma è anche un’auto adatta alla guida di tutti i giorni su terreni molto diversi tra loro La Urus entra nella famiglia Lamborghini come una vettura ad alte prestazioni. Rappresenta il massimo punto di incontro tra competenze tecniche e passione nell’intento di creare una nuova “razza di tori”: un Super SUV che trascende le aspettative e apre la porta a nuove possibilità, sia per il brand che per i nostri clienti.”

Vediamo qui sotto come l’hanno raccontata sul web gli Esperti di motori italiani.

Alvolante.it – Lamborghini Urus: la supersuv

V8 DA TURBO DA 650 CV – La Lamborghini Urus è lunga 510 cm e larga 200 cm (senza contare gli specchietti). Dunque le dimensioni sono decisamente “importanti”. Non da meno è il motore: V8 di 4.0 litri a benzina erogante 650 CV a 6.000 giri, con il valore di coppia massima apri a 850 Nm, disponibili con regolarità già da 2.250 giri. La potenza massima della nuova Lamborghini è tale da fare del modello il primatista di categoria per rapporto peso/potenza: 3,38 kg/CV; il peso della Urus è infatti di 2.200 kg. Va aggiunto che il propulsore vanta l’elevata potenza specifica di 162 CV/litro. Un risultato ottenuto grazie all’adozione del doppio turbo. Va anche aggiunto che la casa ha già annunciato che per il 2019 è previsto il lancio della Urus con motore ibrido plug-in, con l’aggiunta di un motore elettrico oltre al V8 a benzina.

Auto.it – Urus e i suoi fratelli: da Rolls ad Aston, tutti i nomi nella corsa al Super Suv

Più immagine e lusso, per esempio, sfruttando le potenzialità di piattaforme elettroniche di gestione dell’assetto che ormai consentono miracoli nel controllare come minimo 22 quintali di peso. I volumi di una carrozzeria da Sport Utility poi permettono di inventare abitacoli con un livello di spaziosità interna mai vista alle latitudini di alcuni marchi. Infine, la carta tecnologica da giocare al debutto o a pochi mesi da lancio sul mercato, cioè proporre versioni “strategiche” a motorizzazione ibrida che non preoccupano questi potenziali clienti senza limiti di spesa, ma contemporaneamente servono ad ogni costruttore per mettere in gamma anche modelli che abbassino la media di Co2. Se vale perfino la contraddizione in termini di un Super Suv che aiuta a rispondere alle normative anti inquinamento, significa allora che il cerchio quadra come non mai, e conterrà tutti i nomi illustri.

Automobilismo.it – Lamborghini  Urus: il nuovo  mondo

Derivata dalla concept svelata nel 2012 e ispirata esteticamente alla show car Asterion LPI 910-4, la Urus può contare su di un V8 biturbo benzina di derivazione Audi. Più precisamente un 8 cilindri a V (di 90°) di 3.996 cc da 650 Cv e 850 Nm di coppia, caratterizzato dall’iniezione diretta della benzina, dalla fasatura variabile lato aspirazione e scarico nonché della sovralimentazione mediante due turbocompressori twin scroll. Tecnologia, quest’ultima, che prevede per ogni bancata il convogliamento dei gas di scarico alla relativa turbina mediante condotti separati. Un motore che richiama alla mente quanto adottato dalle Audi RS6 Avant ed RS7 Sportback, ma adattato per ottenere un’erogazione tipicamente “Lambo”, toccare i 6.800 giri/min e sprigionare 650 Cv anziché i 605 Cv appannaggio delle versioni Performance del brand degli Anelli.

Automoto.it – Urus, Gentiloni: «Lamborghini esempio di innovazione»

«Lamborghini è un esempio di innovazione che si espande dal territorio, esportando con qualità prodotti su scala internazionale. È un esempio di Italia che attrae investimenti, grazie ad azionisti che hanno creduto nel lavoro di Lamborghini. Si tratta di capitali da curare e non disperdere. Domenicali, siete esempio dell’Italia che fa sistema, perché se oggi la collezione taurina si arricchisce di nuovo elemento, lo dobbiamo anche al fatto che il governo italiano di Renzi qualche anno fa abbia fatto sistema con azienda, azionisti e sindacato, superando momenti difficili: questa è una lezione importantissima. Insieme, pubblico e privato possono rafforzare proprie capacità».

 Avvenire.economia.motori.it – Il debutto. Lamborghini, ecco la Urus: un mostro che (pare) piace molto

Con un evento al quale ha partecipato anche il presidente del consiglio Paolo Gentiloni, la Lamborghini ha lanciato a Sant’Agata Bolognese il suo super-Suv Urus, che rappresenta una pietra miliare nella storia di quello che era un piccolo costruttore di vetture sportive e che ora si appresta a superare quota 10mila auto all’anno. Non tanto per il valore della vettura in sé, secondo noi esteticamente molto “invadente” e comunque poco elegante (almeno vedendola solo in foto), ma per il progetto che la sua realizzazione ha comportato. Per la Urus infatti Lamborghini, controllata dal gruppo Audi, ha già completato 400 assunzioni con contratto a tempo indeterminato. E, in vista della sua commercializzazione nel 2018 ad un prezzo folle (168.852 euro + Iva), a Sant’Agata Bolognese sono stati completati i lavori di ampliamento del sito produttivo da 80.000 mq a 160.000 mq.

Carblogger.it – Il suv della Ferrari e la lezione della Lamborghini

Il futuro suv della Ferrari dista appena 35 chilometri da Urus, ma anni luce dal punto di vista produttivo. Ai tempi del digitale, tanto vale un quinquennio se davvero a Maranello il suv vedrà il giorno non prima del 2022. E i 35 chilometri di distanza sono apparsi addirittura molti di più a chi è stato alla première della Lamborghini Urus lo scorso 4 dicembre e alla grande festa dei 70 anni della Ferrari nel settembre scorso. A Sant’Agata, mi è stato raccontato, si è parlato in italiano ed è stato anche un po’ italiano il pasticcio che ha mandato in tilt il sistema informatico della presentazione, nonostante i precisi tedeschi alle spalle. A Maranello la festa è stata cantata invece in inglese mentre sono stati lasciati meccanicamente fuori la porta gente che nella storia del marchio hanno contato, come Luca Cordero di Montezemolo. Persona con cui non ho mai avuto nulla da condividere, ma perché – come si dice – non dare a Luca quel che è di Luca? Se il suv della Ferrari si farà, più poi che prima, sarà comunque un bene: i mercati lo aspettano e dunque porterà più lavoro. Come è previsto alla Lamborghini con Urus, dove parlano di raddoppio di produzione e di nuove assunzioni. Però, che lezione.

Corriere.motori.it – Lamborghini Urus: i segreti del Super Suv

Partiamo dai dati più curiosi: costa circa 206mila euro (Iva compresa; consegne dalla primavera 2018) e fa i 305 km/h (scatta da 0 a 100 orari in 3,6 secondi). La sensazionale Lamborghini Urus, il suv a cinque posti che l’azienda di Sant’Agata Bolognese ha svelato alla presenza del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni (tanto per dare le dimensioni dell’importanza, anche industriale, dell’evento), è una supercar rialzata da terra con la grinta e – garantiscono – le prestazioni che ci si aspetta da una Lamborghini.

Corrieredellosport.it – Lamborghini Urus, il SuperSUV più veloce di sempre: 305 km/h

Italiano nella sigla e distintivo per questa vettura è, Tamburo, il selettore che permette di impostare tutti i sistemi che sovraintendono alla dinamica di guida. Nelle modalità di Strada, Terra e Neve il sistema di torque vectoring riduce il sottosterzo semplificando la guida, mentre nelle modalità Sport e Corsa l’elettronica consente alla vettura di prendere un carattere sovrastante che è tipico delle sportive. Attraverso Tamburo poi si interviene naturalmente anche sulla regolazione delle sospensioni pneumatiche adattive, in grado di avvicinare o rialzare il corpo vettura dal suolo in base alle esigenze o preferenze di guida. Lamborghini Urus adotta poi il sistema di retrotreno sterzante introdotto con la Aventador S, che consente alle ruote posteriori di variare la loro incidenza fino a tre gradi: a bassa andatura il retrotreno sterza in direzione opposta all’avantreno per diminuire virtualmente il passo e guadagnare agilità in ingresso di curva, mentre ad alta velocità retrotreno e avantreno seguono la stessa traiettoria incrementando la stabilità. Ennesimo punto di incontro ideale delle prestazioni più alte con la versatilità che si pretende da una autovettura marcatamente di lusso.

Gazzetta.passionemotori.it – Lamborghini svela Urus. Domenicali: “Un super Suv che emoziona”

Il presidente Stefano Domenicali non nasconde l’orgoglio: “La Lamborghini Urus nasce da un approccio visionario ed è il risultato della combinazione del DNA Lamborghini con la versatilità tipica di un SUV, elevato a un livello finora impossibile: il Super SUV. Per le emozioni che suscita e in termini di design, prestazioni e dinamica di guida questa è una vera Lamborghini, ma è anche un’auto adatta alla guida di tutti i giorni su terreni molto diversi tra loro”.

Gazzettadiparma.it – Lamborghini Urus, il Super Suv brucia lo 0-100 in 3″6

Un Super Suv, un modello che si candida come nuovo punto di riferimento in termini di potenza, prestazioni, dinamica di guida, design, lusso e fruibilità quotidiana. Lamborghini lancia il suo terzo modello, la Urus, Sport utility dotato di un motore V8 biturbo da 4,0 litri che eroga 650 Cv a 6.000 giri/min. e 850 Nm di coppia massima già a 2.250 giri/min. Con 162,7 Cv/litro, la Urus vanta una potenza specifica tra le più alte della sua classe, oltre che il miglior rapporto peso/potenza con 3,38 kg/Cv. Inoltre, con un’accelerazione da 0-100 km/h in 3,6 secondi (0-200 km/h in 12,8 secondi) e una velocità massima di 305 km/h, la Urus è anche il Suv più veloce attualmente sul mercato.

Ilfattoquotidiano.it – Lamborghini Urus, il suv di lusso debutta davanti al premier Gentiloni

Pur non essendo una Lambo come quelle a cui siamo abituati, perché realmente “si apre allo spazio sociale e alla vita di tutti i giorni”, ne mantiene immutato il dna. Il suo 4.0 V8 ha una potenza di 650 cavalli e una coppia di 850 Newtonmetri, per una velocità di punta di 305 km/h. Il che la posizionerà in cima alla classifica dei suv più veloci al mondo. Anche in questo caso non poteva essere altrimenti, visto l’heritagedel marchio. Ma la novità sta anche nell’attenzione per l’ambiente, visto che dal 2020 ne arriverà anche una versione ibrida plug-in, anch’essa la prima per Lamborghini. Una tecnologia, quella della doppia motorizzazione, a cui si “convertiranno” anche le nuove generazioni di Huracan e Aventador. Ma oggi è ancora tempo di festeggiamenti, per il primo sport utility con il Toro sul cofano.

Ilgiornalemotori.fuorigiri.it – Lamborghini Urus in strada a primavera

Ricordi e fantasie di gioventù. “La storia nata un po’ più di 50 anni fa, dall’idea di Ferruccio Lamborghini è una storia straordinaria, di impresa, di manifattura italiana”, ha detto il premier. Quella della Casa del Toro “è una storia che coinvolge tutti”, ricordando come “da ragazzo guidavo una 500, ma tra le mie fantasie c’erano la Miura e gli altri modelli“. “Siamo di fronte a risultati di cui essere orgogliosi – ha affermato Gentiloni – . Mi piace che abbiate recuperato il nome di manifattura (così è stato battezzato l’impianto che produce Urus, ndr) una capacità del nostro Paese e del nostro territorio. Uno strano mix di capacità artigianali, tecnologiche e dimensioni di scala industriale, che hanno creato marchi che sono famosi e invidiati in tutto il mondo”. Il Super Suv sarà in vendita nella primavera del 2018 a 206.ooo euro, Iva compresa.

Ilsole24ore.motori.com – Lamborghini Urus, svelato il supersuv made in Italy

Eccolo, finalmente, nella sua veste definitiva, il nuovo sport utility Urus di Lamborghini, che a Sant’Agata Bolognese, non a caso, hanno voluto ribattezzato il primo super sport utility del mercato: un prodotto talmente unico per prestazioni, comportamento dinamico, ma anche fruibilità, che mancava nel settore della vetture a “guida alta” anche le più esclusive. Tutte qualità, inoltre, che si accompagnano a un livello di equipaggiamenti a livello di una super sportiva di lusso.

Larena.it: Gentiloni: “Urus? Risultato dell’Italia che fa sistema”

L’orgoglio delle capacità dimostrate partendo da un momento di difficoltà. Un simbolo di quella che – secondo lui – dovrebbe essere l’Italia, tutta. Capace, cioè, di mettere sulla stessa lunghezza d’onda governo centrale e territori, capitali stranieri e sindacati. Il contrario, insomma, di quanto sta succedendo a Taranto sulla vicenda Ilva, perché «quando ci sono capitali pronti a bonificare l’ambiente e salvare il lavoro, un grande Paese trova il mondo di accoglierli e di non disperdere queste risorse». Ma se queste sono le preoccupazioni, quello arrivato a Sant’Agata per una festa del made in Italy globale, in occasione della presentazione del primo super suv di Laborghini, è un Gentiloni che non ha nascosto l’entusiasmo. Per Gentiloni quello che si è concretizzato con Urus è un esempio di un’Italia che fa sistema. Se la collezione taurina di Lamborghini si arricchisce e oggi siamo qui, è perché in un momento difficile il governo Renzi, con il ministro Guidi e gli azionisti globali di Lamborghini, con il sindacato hanno fatto sistema».

Lastampa.motori.it – Lamborghini Urus, svelato il super Suv che raddoppierà le vendite del marchio emiliano

Nuove possibilità che sono soprattutto commerciali, vista l’alta redditività dei Suv: con la Urus – che avrà un prezzo chiavi in mano nell’ordine dei 206 mila euro – Lamborghini vuole raddoppiare la sua produzione dalle circa 3.500 unità del 2016 alle 7 mila del 2019, con la prospettiva di arrivare a 10 mila pezzi nel giro di qualche anno.

Per questo l’azienda ha assunto fino ad ora 700 nuovi addetti ed è alle prese con un ampliamento della fabbrica di Sant’Agata Bolognese, passata da 80 a 150 mila metri quadri e dotata di un centro di verniciatura – operazione che attualmente è appaltata ad un’azienda terza – che sarà attivo dal 2018, il primo in 54 anni di storia della marca.

Motorbox.com – Lamborghini Urus, arriverà l’ibrida su base Panamera

ANCORA PIÙ POTENTE In base a queste informazioni è lecito pensare che il SUV Lamborghini in versione plug-in hybrid utilizzerà lo stesso motore V8 biturbo elettrificato della Panamera Turbo S E-Hybrid, la più potente, che oggi sviluppa 680 CV e 850 Nm di coppia (650 cv e 850 Nm sono i dati della Urus attuale). Per l’occasione, non è un azzardo pensare che il powertrain verrà ulteriormente potenziato fino a circa 700 CV.

Motori.ilmessaggero.it – Non solo prestazioni: Lamborghini Urus al top anche per stile, lusso, comfort e dotazioni

Le citazioni stilistiche hanno ispirato dunque un progetto che fa comunque dell’innovazione un pregio primario. Ma anche nel campo dell’aerodinamica si è seguita la traccia di un percorso tradizionale per Lamborghini: l’aerodinamica è stata perciò affinata rispettando la regola del corretto equilibrio tra forma e funzione. “Ogni pannello – è stato spiegato nel corso della presentazione in anteprima – contribuisce al coefficiente globale di resistenza aerodinamica della vettura”. E allora, lo splitter anteriore e le grandi prese d’aria, in combinazione con le ampie aree coperte del sottoscocca, dovranno assicurare un flusso ottimale dell’aria. E ancora: le alette aerodinamiche sui bordi esterni del lunotto posteriore, l’ala posteriore oscillante, lo spoiler posteriore integrato e il labbro dello spoiler contribuiranno, nel loro insieme, a ridurre la resistenza. Mirata a migliorare il raffreddamento dei freni è invece la soluzione dei passaruota con prese Naca. Tutto ciò – com’è facile immaginare – deve contribuire a migliorare il comportamento dinamico dell’auto, influenzando stabilità e sicurezza. Ma non solo: “Un’aerodinamica efficiente – tengono a dire in casa Lamborghini – contribuisce anche ad ottimizzare i consumi e ad esaltare l’acustica interna, a beneficio del comfort nelle diverse condizioni d’impiego dell’auto”.

Motorionline.com – Lamborghini Urus, il nuovo SUV ha i suoi esclusivi accessori su misura

Mentre si trovano nel quartier generale dei Lamborghini i clienti potrebbero far visita al reparto di personalizzazione Ad Personam dove è possibile acquistare, in via esclusiva, i nuovi accessori Lamborghini Urus Collection dedicati proprio al nuovo SUV del Toro.Della gamma dei nuovi accessori, nati dalla collaborazione con brand dell’artigianato locale, fa parte la giacca in pelle scamosciata realizzata, in soli 30 pezzi, dal marchio bolognese Hettabretz. Enzo Bonafè, brand di calzature artigianali con base a Bologna, firma invece gli speciali mocassini da guida proposti in due stili e tre colori differenti. Infine Tecknomonster ha prodotto i due set di valigie in fibra di carbonio realizzate ad hoc per il bagagliaio della Urus. A quanto sembra gli accessori della nuova collezione legata alla Lamborghini Urus possono essere acquistati soltanto recandosi direttamente al quartier generale del costruttore, a Sant’Agata Bolognese, dove i clienti vengono invitati a fissare un appuntamento con i rappresentanti delle tre aziende per scegliere i propri accessori su misura.

Motori.quotidiano.net – Lamborghini mette Urus nell’arena, ecco il Suv più veloce della storia

Il toro primordiale Urus, estinto nella nebbia del tempo, dà oggi il nome al Suv più veloce della storia e alla Lamborghini più rivoluzionaria di sempre. SSUV, cioè Super Suv lo definisce con orgoglio il presidente Stefano Domenicali. Perché Urus va a collocarsi, di fatto, in un segmento che non esiste. È un fuoristrada con design e prestazioni da supercar. Un affascinante Minotauro che riunisce due nature. Nella presentazione-stettacolo di Sant’Agata Bolognese Maurizio Reggiani, capo del settore Ricerca e Sviluppo, spiega come Urus condensi il meglio delle tecnolgie Lamborghini per trasformarsi in un’auto di uso quotidiano. Trazione integrale, sospensioni ad aria, ruote posteriori sterzanti rendono questo agile colosso, di cinque metri di lunghezza, un’auto maneggevole in qualunque condizione di guida. Le prestazioni velocistiche sono da autentica supercar (305 km orari) e i freni carboceramici consentono di arrestare la vettura alla velocità di 100 km all’ora in soli 33,7 metri.

Omniauto.it – Lamborghini Urus, il guanto di sfida a Maranello è stato lanciato

Quando per il debutto di una nuova auto si scomoda perfino il Presidente del Consiglio vuol dire che ci troviamo di fronte a un evento straordinario a qualcosa che va oltre il mero prodotto. Nel caso della Lamborghini Urus la presenza di Paolo Gentiloni era dovuta principalmente alla “vittoria” del Made In Italy, inteso non tanto come sforzo progettuale ma come capacità di manifattura e filiera produttiva. Perché se è vero che la base tecnica della Super SUV Lambo è condivisa con altri modelli del Gruppo Volkswagen – Audi Q7, Bentley Bentayga e Porsche Cayenne – è altrettanto vero che la produzione avviene in Italia, un fatto non scontato visto che c’era da battere la concorrenza dello stabilimento di Bratislava, dove il costo del lavoro è più basso. Ma alla fine, nelle logiche globali del Gruppo VW, ha prevalso Sant’Agata Bolognese che ha beneficiato di un investimento di oltre 600 milioni di euro, con conseguenti cinquecento assunzioni e altre duecento previste per il prossimo anno.

Panorama.it – Lamborghini Urus. Ecco il nuovo suv

Il costo si aggira intorno ai 206mila euro e il suv è in grado di raggiungere una velocità di 305 km/h. La nuova super car presentata a Sant’Agata bolognese ha un nome che come vuole la tradizione Lamborghini, deriva dal mondo dei tori. I bovini di razza Urus sono tra i grandi antenati selvatici delle razze attuali.

Quattroruote.it – Tolti i veli alla Suv più veloce del mondo

650 CV su circa 2.200 kg. La piattaforma Mlb Evo, la stessa delle nuove Porsche Cayenne e Bentley Bentayga, ha permesso di realizzare una Suv da 5,11 metri e tre di passo. Le proporzioni sono aggressive: 2,01 metri di larghezza e 1,63 di altezza, mentre la massa totale è indicata genericamente come “inferiore a 2.200 kg”. Il dato potrebbe preoccupare chi pensa alle prestazioni, ma basta analizzare il powertrain: l’unico motore attualmente previsto è l’inedito (per Lamborghini) V8 di 4.0 biturbo da 650 CV e 850 Nm, parente stretto dei propulsori Audi e Porsche. Con 6.800 giri di limite massimo e coppia disponibile da 2.250 e 4.500 giri garantisce prestazioni in linea con il marchio sul cofano, con 305 km/h di punta massima e 3,6 secondi per toccare i 100 km/h. La trazione è integrale con differenziale centrale Torsen e Torque Vectoring al posteriore e ripartizione di base del 60% della coppia al retrotreno (e fino al 70% all’avantreno in particolari condizioni di aderenza), mentre il cambio è l’automatico a otto marce con convertitore. Per la cronaca la Lamborghini dichiara un consumo medio di 12,7 l/100 km e 290 g/km di C02.

Repubblica.motori.it -Lamborghini Urus, debutta in diretta il SSuv, il Super Suv da oltre 300 orari

Il motore è un V8 biturbo da 4,0 litri (il primo turbo della storia della Lamborghini) da 650 CV e 850 Nm di coppia per garantire massime prestazioni. Che sono davvero “massime”: la Urus scatta da 0 a 100 km/h in 3,6 secondi e velocità massima di 305 km/h… E poi con 162,7 CV/litro, la Urus vanta una potenza specifica tra le più alte della sua classe, oltre che il miglior rapporto peso/potenza con 3,38 kg/CV.
Inoltre, con un’accelerazione da 0-100 km/h in 3,6 secondi (0-200 km/h in 12,8 secondi) e una velocità massima di 305 km/h, la Urus è il SUV più veloce attualmente sul mercato. Insomma una vera Lambo. Ma nessuna Lambo è mai stata così spaziosa: il suo vano portabagagli va da 616 litri a 1.596 litri. Il prezzo? 170 mila euro tasse escluse

TGCOM24.Mediaset.it – Lamborghini Urus, svelati calendario e prezzo

Urus non è semplicemente il primo Sports Utility Lamborghini, un modello che probabilmente resterà fedele soltanto a sé stesso. È anche il veicolo che porterà la fabbrica di SantʼAgata Bolognese a raddoppiare la sua produzione annua, da 3.500 a 7.000 unità, e a creare 500 nuovi posti di lavoro. E doppi saranno anche gli spazi dello stabilimento, dove cʼè un nuovo centro logistico e una pista di prova. In Italia la Lamborghini Urus arriverà nella primavera 2018, il prezzo IVA esclusa è di 168.852 euro, quindi poco più di 200 mila euro tutto incluso. Nel 2019 è attesa anche la versione ibrida elettrica plug-in.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *