LanciaDeltaHFIntegrale

Quali sono le auto del passato più rimpiante dagli automobilisti italiani ?

È questa la domanda che Facile.it, il portale italiano specializzato nel confronto dei costi delle assicurazioni per le auto, ha rivolto ad un panel di automobilisti che, senza troppi dubbi, hanno decretato la Lancia Delta Integrale, regina delle auto del passato. Del resto, come spesso accade, è lo stesso “mercato” a decretare il valore di un’auto anche del passato, che nel caso specifico della Delta Integrale può arrivare addirittura fino a 100mila euro!

L’auto, che fu allestita nel 1988 come versione sportiva per i rally, complici i tanti successi ottenuti in tutto il mondo, è entrata da subito nel cuore degli appassionati che, nonostante sia fuori produzione da quasi 25 anni, la ricercano ancora.

Leggi anche: Il ritorno della Delta Integrale non è solo un sogno

Alle spalle del mito Lancia troviamo una vecchia signora della storia automobilistica italiana: la Fiat Topolino che, con il 15,68% delle preferenze conquista la medaglia d’argento, ma rimane invece la preferita dalle donne che la indicano come prima scelta nel 29,73% dei casi.

L’auto, diventata vera e propria icona della storia dell’Italia a motori, pochi sanno nacque a seguito di un incontro svoltosi nel 1930 fra Benito Mussolini ed il senatore e industriale Giovanni Agnelli, fondatore della FIAT.

Leggi anche: Quando l’automobile uccise la cavalleria

Per mettere a segno una mossa di grande valore propagandistico, il Duce chiese ad Agnelli di produrre un’utilitaria economica, il cui prezzo non superasse le 5.000 lire, l’obiettivo “inderogabile” era la necessità di motorizzare gli italiani. L’idea era forte e persino Adolf Hitler, appena eletto, la copiò affidandosi a Ferdinand Porsche e dando vita al Maggiolino.

Leggi anche: Hitler e la Volkswagen, ecco tutta l’incredibile storia

La Fiat Topolino fece il suo debutto ufficiale nel 1936, il prezzo a cui veniva venduta era di poco inferiore alle 9.000 lire, ma nonostante fosse ben più alto di quello cui si puntava in origine, riuscì comunque a sfondare e motorizzare gli italiani.

Terzo posto, nella classifica per un’altra auto di casa FIAT, la FIAT Uno, quella prodotta fra il 1983 ed il 1995. L’auto, che si dice avrebbe potuto andare sul mercato col marchio Lancia, dopo alcune vicissitudini divenne la sostituta della FIAT 127, con un epico lancio stampa avvenuto in una sede decisamente originale: Cape Canaveral in USA. Ottimo augurio: le vendite di questo modello sono letteralmente decollate, tanto che per molti anni la UNO è stato il modello più venduto al mondo.

La FIAT 127, invece, condivide con l’ Alfasud il gradino più alto della classifica per gli automobilisti over 60. Ciascuno dei due modelli raccoglie quasi il 25% delle preferenze di questo campione e precede nettamente la Lancia Thema, terza nel cuore degli automobilisti coi capelli grigi, con poco più del 12%.

Tornando alla classifica generale troviamo al quarto posto una delle automobili più longeve di sempre: la Citroën 2CV, prodotta ininterrottamente dal 1948 al 1990.

La geniale utilitaria francese, che è anche stata l’auto protagonista di diverse icone cinematografiche, da James Bond alla Pantera Rosa, raccoglie l’8,65% delle preferenze, ma anche lei fra il pubblico femminile pare avere particolare successo ed arriva addirittura seconda con il 12,16%.

Ecco di seguito la Top 10 delle auto che gli italiani vorrebbero vedere nuovamente in produzione.

top-ten

top-desc

1 commento
  1. Pazielli
    Pazielli dice:

    Che strani i gusti della gente. La Tigra e l’Alfasud cosa ci azzeccano? Rispetto alla Golf per esempio o alla mitica 500.

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *