PEUGEOT_LION-TYPE_129

Quando si fusero i due marchi PEUGEOT

La fusione fra PSA e FCA è ormai prossima. Tra i vari marchi protagonisti di questa nuova era in arrivo, c’è Peugeot. E’ singolare che proprio il marchio principale del gruppo francese abbia iniziato la sua brillante carriera proprio con una fusione.

Siamo all’inizio secolo scorso e più precisamente nel 1910 quando avviene la fusione dei due Marchi PEUGEOT esistenti all’epoca ed appartenenti a diversi rami della stessa famiglia di imprenditori. “Automobiles PEUGEOT” (società fondata da Armand PEUGEOT per la produzione di automobili) e “Figli dei fratelli PEUGEOT” (più nota come Lion PEUGEOT e dedicata alla produzione di vetture più economiche oltre che di biciclette, macchine per cucire e utensili).

Con la fusione nacque la denominazione di “Società Anonima delle Automobili e Biciclette PEUGEOT” ed i siti di produzione di Audincourt,  Beaulieu, Lille e Valentigney vennero accorpati, mentre fu creato il nuovo sito di Sochaux.

Fu Robert PEUGEOT che segnò la strada della nuova impresa e il primo anno di vita della nuova società vide ancora la gamma delle vetture divisa in due linee differenti. La gamma originaria della Automobiles PEUGEOT fu potenziata con la creazione della 9 HP e la Type 125. A tal proposito, fu realizzato un nuovo bicilindrico da 1.148 cm3 denominato Type HI e derivato dal nuovo 4 cilindri HE. Le carrozzerie offerte variavano dalle versioni Laundelet, Torpedo e Sport. PEUGEOT, inoltre, investì molto nel settore 10 HP con il nuovo blocco motore tipo HE, già montato sulle Torpedo tipo 127. La fascia media era invece occupato dalle 12 HP, mentre la Type 129 e la Type 131 occupavano il ‘top’ di gamma utilizzando il motore 16 HP già in produzione dal 1909. Cambiarono invece le carrozzerie disponibili che abbandonarono le versioni sport per dare spazio a versioni più lussuose quali le torpedo e le Laundelet. All’interno della nuova produzione, venne inserita una nuova gamma intermedia con la nuova Type 133 da 18 HP che utilizzò carrozzerie eleganti ma su telai più economici. Nel 1910 la gamma si fermò alla 22 HP in quanto Armand PEUGEOT decise di non rinnovare la 35 e la 60 HP.

Nonostante la fusione dei due Marchi, la gamma Lion PEUGEOT proseguì il suo sviluppo con la nascita di un nuovo motore bicilindrico che andò ad equipaggiare i nuovi modelli Type V2C2 e V2Y2. Queste vetture furono disponibili in una ampia gamma di carrozzerie: 7 da turismo e 10 utilitarie, una gamma non più catalogabile come “vetturette”, ma vere e proprie automobili.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *