nada1

Tributo all’editore Giorgio Nada, “l’imprenditore con la passione per i motori”

Sabato 26 settembre, alle ore 17.00 a “Milano AutoClassica”, presso lo Stand ACI Storico (Pad. 22) si ricorderà Giorgio Nada, “l’imprenditore con la passione per i motori”.
Interverranno oltre alla famiglia, i giornalisti Gianni Cancellieri, Carlo Cavicchi, Umberto Zapelloni e numerosi personaggi del Motorsport. Sarà inoltre presente il pilota Giacomo Agostini. E con i contributi video dei giornalisti Pino Allievi, Mario Donnini e Luca Dal Monte.

Riportiamo qui sotto il comunicato stampa diramato dallo staff della Giorgio Nada Editore e della Libreria dell’Automobile

Il 6 maggio scorso è scomparso l’Editore GIORGIO NADA.

Noi che con lui abbiamo lavorato, o per meglio dire, vissuto quotidianamente per oltre vent’anni in Casa editrice e non solo, lo abbiamo chiaro negli occhi, oggi, seduto dietro alla sua scrivania a definire un contratto, a far quadrare un conto economico, a discutere – spesso con la fermezza dell’imprenditore ma sempre con l’eleganza e la cordialità del gentiluomo – con autori, giornalisti e con gli interlocutori che in tanti anni di carriera si sono presentati nel suo ufficio, prima nel pieno centro di Milano, poi a Vimodrone, sede attuale della Casa editrice.

Davanti a quella scrivania ci siamo spesso seduti anche noi e da quella “prima fila”, da quella prospettiva privilegiata, abbiamo imparato – negli anni – a conoscere un uomo animato da autentica passione e dedizione per il proprio lavoro, un uomo che amava il confronto, la dialettica, sempre in ascolto, pronto a dar luce verde, senza troppi preamboli, ad un progetto editoriale che lo aveva convinto da subito, ma anche a perseguire un libro che forse il “mercato” avrebbe mal digerito, ma che a lui piaceva e quindi andava fatto.

Giorgio Nada, l’Editore del mondo dei motori, a quattro e a due ruote, per antonomasia, l’uomo che aveva iniziato il suo percorso professionale gestendo una libreria in via Ulrico Hoepli a Milano, come dire, la via che reca il nome di uno fra gli Editori più illuminati di sempre, ha avuto grande coraggio per puntare, alla fine degli anni Sessanta, su un settore come quello dell’editoria motoristica che, all’epoca, più di nicchia non poteva essere.

Almeno in Italia, l’auto d’epoca stava muovendo i primi passi, ma il futuro Editore, che per diversi anni aveva già avuto l’opportunità di vivere a Londra, in una realtà dunque permeata sin dentro il midollo di cultura automobilistica, guarda avanti con quella tenacia e determinazione tutta piemontese – lui nativo di Alba – intuendo che per il nostro Paese sarebbe stata solo questione di tempo.

Così, nel 1970, esattamente 50 anni fa, trasferisce la Libreria dell’Automobile in corso Venezia – al pianterreno del palazzo che ancora oggi è sede dell’Automobil Club di Milano – divenendone a tutti gli effetti il gestore, per poi rilevarla tre anni più tardi.

Da quel momento, il civico 43 (oggi 45), diventa meta per generazioni di appassionati che fra quegli scaffali – e solo lì – possono trovare tutto quanto proposto dall’editoria motoristica del tempo.

Ma Giorgio Nada non si ferma e nella seconda metà degli anni Settanta capisce che i tempi sono ormai maturi per veicolare attraverso la Libreria titoli che rechino sulla copertina il logo della Libreria stessa. Le Edizioni della Libreria dell’Automobile diventano, in breve, un must. “Moto Guzzi”, “Isotta Fraschini”, sono alcuni dei primi soggetti editi, ma poi, nel 1987, è tempo di scorporare l’attività prettamente editoriale da quella di vendita, con la nascita di Giorgio Nada Editore.

La sfera armillare e il nome in maiuscolo, inscritto fra due sottili bande color verde acqua, impiegano poco a diventare a tutti gli effetti un “marchio” sinonimo di cultura, competenza e – di nuovo – passione, per il mondo dei motori a 360 gradi.

L’esiguo spazio di un comunicato impedisce di rendere giustizia a tutti i titoli che sono usciti da allora ad oggi: storie di Case automobilistiche e motociclistiche, libri ufficiali per celebrare ricorrenze e anniversari, monografie su piloti, ma anche trattori storici, veicoli speciali e altro ancora. Proprio lo scorso anno, assieme all’Editore, avevamo “tirato una mano di conti”, scoprendo di aver raggiunto le 1000 pubblicazioni: bastava incrociare il suo sguardo per capire l’enorme soddisfazione dell’uomo e dell’imprenditore.

Quello stesso imprenditore che, negli anni, ha acquistato e conservato importanti archivi fotografici, oggi patrimonio imprescindibile per la Casa editrice, a conferma, ancora una volta, della sua lungimiranza e passione per questo mondo.

Per noi, ripercorrere oggi queste tappe non vuole essere una fredda ricapitolazione quanto la ricostruzione di un percorso umano, professionale e imprenditoriale che non si ferma, proponendosi come mission quella di proseguire nel prolifico solco tracciato dal fondatore, che poi è il modo più autentico per rendere davvero omaggio al “nostro” Editore.

Grazie a tutti coloro – e sono stati tantissimi, in Italia e nel mondo – che hanno sinceramente dimostrato affetto, amicizia e attaccamento all’uomo e alla sua creazione in questo difficile frangente.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *