range-rover-velar-launch-india

V come Venezia, V come Velar

Il 17 è un numero che porta bene agli inglesi. Ma anche la romantica, unica e suggestiva Venezia.

Il 17 luglio del 2013,  alla Biennale, nel padiglione Gran Bretagna ai Giardini, c’era la personale English Magic di Jeremy Deller. Appena varcata la soglia dell’edificio, saltava subito all’occhio un’enorme albanella reale dipinta su una parete. Il volatile stringeva tra gli artigli un Suv in miniatura, una Range Rover di color rosso, simbolo del consumismo.

Ad ispirare quel dipinto un aneddoto datato 2007: il principe Harry insieme ad un amico fu sospettato di avere abbattuto una coppia di albanelle reali, uno dei rapaci più rari in tutto il Regno Unito. E quell’uccello volle vendicarsi su una Range Rover di passaggio.

Un salto in avanti negli anni: il 17 maggio 2017, sempre a Venezia, all’Arsenale è stata presentata la nuova Range Rover Velar. Il brand britannico ha riunito in laguna i propri agenti per il lancio del nuovo modello che si è fatto apprezzare per la modernità del design, per i tessuti ricercati nell’abitacolo e per le maniglie che scompaiono nelle portiere.

Ma non è sfuggita ai più attenti una evidente impronta made in Italy grazie al lavoro di Massimo Frascella che vuole fare della Velar il medium Suv Land Rover di grido dei prossimi anni. Una filosofia di design rivoluzionaria con lo spoiler posteriore integrato, con la griglia stampata. Pulita, elegante e inconfondibile. Dentro spiccano l’illuminazione d’ambiente configurabile ai braccioli scorrevoli divisi, i comandi capacitivi a filo sul volante, i due touch screen da 10″, l’head-up Display, i fari Matrix-laser Led, l’appe multifunzione Remote che consente di monitorare ed interagire dallo smartphone o dallo smart watch. Ingenium è l’ultima generazione di motori in alluminio, più leggeri e potenti. Il sistema Torque Vectoring by Braking consente una guida controllata e reattiva in curva grazie anche all’interazione con il sistema Intelligent Driveline Dynamics. Insieme, bilanciano la distribuzione della coppia motrice fra le quattro ruote per una guida sicura e composta, sospensioni pneumatiche, sensori di parcheggio.

All’happening hanno presenziato anche 500 potenziali clienti del Triveneto. E non sono mancati gli ordini a scatola chiusa per Velar, più di un centinaio secondo dei rumors.

Prezzo a partire da 58.800 euro, consumo di 5,4 litri x 100 km. Velar, dal latino velare, il cui significato principale è coprire, evoca i primi prototipi della Range Rover Anni Settanta battezzati Vee Eight Land Rover con il V8 di origine Buick da 3,5 litri.

Una Velar che non è una Range Sport in miniatura nè una Evoque vitaminizzata. Un modello che vuole anticipare scenari del domani.

Nasce sul pianale IQ già utilizzato dalla F-Pace. Una Range lussuosa dal Cx di 0,32, il migliore mai dichiarato dalla Casa inglese. Sfoggia a livello di cambio l’otto marce ZF con convertitore di coppia e on road e off road procede a meraviglia, sembra fatta per lunghi viaggi grazie anche al bagagliaio di oltre 600 litri.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *