di grazia

Analisi critica della Jeep Cherokee 2019

A esattamente un anno di distanza abbiamo provato la nuova versione  della Jeep Cherokee.

Coi chiari di luna che governanti locali e nazionali hanno creato sui modelli di auto col motore diesel mi sarei aspettato di non trovare più in catalogo la Cherokee con questo motore, ma la tecnologia avanza e i tecnici FCA hanno realizzato una unità propulsiva che può vantare di appartenere alla classe di emissioni Euro 6.2. Nella prova del modello 2018 temevo, infatti che le normative sarebbero state ulteriormente inasprite, rendendo quasi impossibile la vendita di auto con questo motore. Fortunatamente per gli automobilisti non è andata così, Ecotassa a parte…

Qui la prova del modello 2018: http://autologia.net/analisi-critica-della-jeep-cherokee-lultimo-diesel/

In effetti il modello completamente rinnovato dovrebbe apparire nel 2020, e quello di quest’anno si presenta con la griglia, i fari anteriori e il portellone leggermente modificati. La motorizzazione diesel rimane invariata, il classico 2.2 l da 195 hp, ma la vera novità è il motore a benzina da 2.0 l turbo da 270 hp, unito al V6 da 3.2 l e 271 hp. Gli equipaggiamenti li trovate qui: https://www.jeep-official.it/car-configurator/cherokee/#/version

L’esemplare avuto in prova, avete capito bene, è la versione a due ruote motrici, solo quelle anteriori. Un trend che da qualche anno sta prendendo piede: non sempre e non tutti hanno davvero bisogno di un 4×4, specialmente se l’uso è urbano, con ampia possibilità di carico, e la neve la si incontra molto di rado. L’ausilio elettronico alla trazione riesce a sopperire la mancanza dell’assale posteriore motrice nella maggior parte dei casi, escluso, ovviamente, il fango e la neve profonda.

Personalmente, anche per www.americanautoitalia.blogspot.com, l’ho usato sugli sterrati del Piemonte profondo e rurale, mi sono arrischiato in un guado, e mi sono trovato comunque a mio agio. In realtà una tale genia di veicoli ha il vantaggio della grande disponibilità di spazio, io ho caricato un materasso arrotolato e una decina di vasi di fiori, soltanto abbassando metà schienale posteriore.

La nostra. Jeep mi è sembrata molto fluida e sciolta nei movimenti, direi che la scelta del 2WD l’ha in qualche modo resa più brillante e veloce, infatti la velocità massima dichiarata supera abbondantemente i 200 kmh, la stabilità su percorsi veloci è assicurata comunque da un’ottima telaistica. Forse la mancanza delle regolazioni elettroniche abituali sulle sospensioni la fa essere un pochino più propensa a un certo rollio nelle curve affrontate alla “garibaldina” e in effetti “punta” un po’ e tende a coricarsi sul lato esterno della curva, ma solo se si affrontano percorsi con un piglio sportivo che non sono nel DNA di un veicolo del genere.

Il motore 2.2 Multijed T. Diesel è piuttosto proto e invita a “tirare”, complici anche la “paddles” sul volante, ma non sempre, come detto poco sopra, è il caso. In qualche momento il cambio, fra i 60 e i 70 kmh all’ora, ha qualche esitazione nella scelta del rapporto, in particolare se si sta solo sfiorando il pedale dell’acceleratore.

Il confort di guida è davvero eccellente: i sedili anteriori hanno praticamente infinite possibilità di scelta, nonché le memorie per selezionare la posizione preferita.

La pelle, in questo caso nera, è morbida al punto giusto, gli schienali hanno anche il supporto lombare, la possibilità di ampia regolazione dello schienale e della seduta, in modo da poter cambiare la regolazione anche in movimento per un maggior comfort e per evitare formicolii e crampi, perchè davvero invoglia a percorrere molti chilometri al volante.

Certe volte viene da dire grazie agli americani che hanno compreso da anni quali sono i desideri dei consumatori e hanno inserito gradualmente una serie di servizi ormai assolutamente necessari il cui prezzo si ammortizza col numero di vetture prodotte. Parlo di sedili riscaldabili, ventilati, di volanti che si intiepidiscono a comando, di portelloni che si aprono quasi per magia: è come se alcuni fabbricanti si siano messi a braccetto con gli acquirenti, ma mi chiedo se nel passato, invece, facessero a pugni coi desiderata dei clienti e imponessero i pochi accessori a caro prezzo.

Mi vengono in mente certe vetture tedesche, magari con la preziosa colorazione nera metallizzata, senza climatizzatore. Invece no, il consumatore americano la fa da padrone e per fortuna che alcune case importano in Europa i loro prodotti, e che le case europee si sono dovute adeguare alle necessità del mercato USA…!

Sulle Jeep tutti questi accessori sono di serie, e per fortuna, come il buon sistema U-Connect, che permette di appaiare immediatamente il telefono alla vettura, anche se io vedo in giro tanti ancora col telefono all’orecchio….! Anche gli smartphone attuali si possono immediatamente abbinare all’ottimo sistema audio dotato di subwoofer posizionato nella bagagliera.  Per cui se qualcuno ha la sua musica preferita nel telefono potrete ascoltarla insieme solo toccando lo schermo da 8′.

Insomma: una scelta non banale nel panorama estremamente variegato dei SUV in vendita in Italia, dotata dell’ottimo motore 2.2 Multijet da 195 hp, abbinato al cambio automatico a nove marce. La versione Front Wheel Drive della ns. prova parte da € 44.000 IVA inclusa.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *