appauto

APP..CIPICCHIA!!!

Una distrazione conduce talora a perdizione: bisogna sempre sorvegliare la propria vita. (Op. cit. Alfred de Vigny, Diario di un poeta, 1867)

Criminalizziamo chi usa il telefono in auto?

Sempre il qualunquismo dominante, la malsana abitudine di parlare col cervello spento, come la campagna contro i motori Diesel che, se bene a punto, restano quelli che emettono meno Co2 nell’atmosfera.

Torniamo ai telefoni: certo, parlare al telefonino con i cellulari di una volta era senza dubbio meno pericoloso di quanto lo sia oggi, con i cellulari touchscreen che obbligano a distogliere lo sguardo dalla strada anche troppo a lungo.

Siamo completamente d’accordo sul fatto che bisogna severamente vietarne l’utilizzo. Ma allo stesso tempo ci sconcerta la corsa delle Case automobilistiche nel dotare le vetture, anche quelle di piccola cilindrata e dimensioni, di “App” sempre più sofisticate e sempre più capaci di far distrarre chi guida.

Al di là della visualizzazione su schermi, strumentazione e parabrezza, l’uso di messaggi, la ricerca di musica e quanto altro, distrae forzatamente dalla strada e dai suoi pericoli e non è cosa nuova se si pensa a quanto ci distraeva cercare fra le musicassette o i CD quelli “giusti” o per le donne cercare qualcosa nella borsa.

Le App insomma, distraggono eccome! Ben vengano la frenata automatica e i sistemi anticollisione, dunque, così come il cruise control con regolazione automatica della distanza di sicurezza e il line assist.

Ecco quale dovrebbe essere la direzione del prossimo step legislativo sugli obblighi di dotazione nelle auto di nuova immatricolazione.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *