2news-lente

Bocche cucite

Capita sempre più spesso che non si riesca a sapere nulla di più di quanto vogliano comunicare, aziende, politici, sportivi… e relativi uffici stampa.

Il rapporto tra chi scrive e chi comunica è ormai a senso unico e ciò genera un effetto domino su tutto quanto si può definire “fare informazione”.

Oggi vige il diktat: “Io comunico e tu scrivi quello che io comunico”.
Niente di più, niente di meno.

Se prestate attenzione, si leggono sempre meno scoop, poche critiche, solo analisi senza alcun dato fuori dagli schemi.

I nuovi mezzi di comunicazione portano sempre più a non entrare nel dettaglio, così si hanno meno informazioni.

Facciamo un esempio concreto. Fino a non molto fa si riusciva a carpire informazioni con una telefonata. Oggi questo è sempre più raro. Si preferisce un messaggio o un tweet.

E quando si riesce a mettere le gambe sotto un tavolo o una scrivania è difficile aprire una discussione, perché sono tutti più attenti allo smarthphone che all’interlocutore che hanno di fronte.

Tutto ciò piace molto a chi deve comunicare perché gli permette la gestione totale della notizia, ma questo sistema non migliora la società e manda in tilt l’informazione.

Il lettore, non a caso, non è più legato ad una testata, ma spazia e cerca, e così si è persa anche la fidelizzazione; non vi sono certezze assolute, ma tante inesattezze; ci sono sempre più fonti di informazioni, ma con informazioni omologate e quasi mai verificate.

Una volta si diceva: Tizio ha scritto… la Testata ha riportato….l’ha detto la Televisione.

Oggi: Hai sentito? Ma sarà vero?

Morale: si vive nel caos dell’informazione… omologata.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *