2parcheggio_doppia_fila

Chi parcheggia l’auto in seconda fila o blocca l’ingresso a un passo carraio compie un reato penale

I giudici italiani si stanno sempre più pronunciando contro gli automobilisti maleducati che parcheggiano le proprie auto in seconda fila o davanti a passi carrai, limitando, così, la libertà di movimento di altre persone, commettendo così un reato di violenza privata.

In questo caso la trasgressione non si riferisce soltanto al codice della strada come illecito amministrativo, ma viene a trattarsi di un reato punibile dal codice penale.

E’ emblematica la sentenza numero 2006/2014 emessa dal tribunale di Taranto, che ha dichiarato, appunto, che chi lascia la propria vettura di fronte al box auto di proprietà di terzi, impedendone l’utilizzo, è sanzionabile con il codice penale.

C’è da dire che questo è un caso estremo con complicanze iniziali, infatti, si trattava di un condomino che, dopo liti e dispetti reciproci, aveva lasciato intenzionalmente la propria auto per ben due giorni davanti al garage di un altro condomino impedendogli così di usare liberamente la sua proprietà privata.

Numerose sono comunque le sentenze in tal senso.

Anche quelle della stessa Cassazione che, già nel 2006, ma anche nel 2011 e nel 2013, si è espressa a favore della linea dura.

Sanzionati non soltanto i proprietari dei veicoli che ostruiscono l’ingresso o l’uscita dai garage, c’è, anche chi è stato punito, sempre per violenza privata, avendo ostruito il passaggio all’autobus di linea, impedendo così un pubblico servizio.

Con un’altra sentenza del Tribunale di Roma una persona è stata condannata per aver lasciato l’auto in seconda fila sulla strada pubblica, impedendo così l’uscita dal parcheggio a un altro conducente. La perdita del tempo procurata al titolare del mezzo “bloccato” è stata calcolata per stabilire un risarcimento economico del danno.

1 commento
  1. Mister X
    Mister X dice:

    Se veramente diventa un reato penale, avremo le scuole elementari deserte, dato che le mamme dei bambini saranno tutte carcerate e non potranno più accompagnarli a scuola con i loro SUV che abitualmente parcheggiano in seconda fila.

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *