quagliano

Continua la crescita delle immatricolazioni nonostante una frenata dei km zero

In ottobre sono state immatricolate in Italia 157.900 autovetture con un incremento sul 2016 del 7,10%. Si tratta di un risultato positivo che conferma che il mercato dell’auto dopo un 2015 e un 2016 in forte crescita (+16% in entrambi gli anni) continua a recuperare, anche se non più con tassi a due cifre. L’incremento di ottobre (+7,10%) è lievemente inferiore a quello dei primi dieci mesi dell’anno (+8,85%) e comunque, nonostante il lieve rallentamento, vi sono marchi che, proprio in ottobre, hanno incrementi che sfiorano il 50% come Dacia (+47,77%) e Jeep (+47,22%). D’altra parte il rallentamento di ottobre non è certo dovuto ad una frenata della domanda, che si mantiene tonica, ma semplicemente ad un minor ricorso da parte delle case automobilistiche ai chilometri zero, cioè all’immatricolazione di vetture ai concessionari destinate ad essere vendute nelle settimane successive con forti sconti come usato con chilometri zero. Resta quindi invariata la previsione del Centro Studi Promotor per l’intero 2017 di un volume di immatricolazioni intorno ai 2.000.000 di unità.

Come è noto, nel 2016 il mercato delle vetture destinate ad essere utilizzate per usi strumentali, che rappresentano una quota significativa, ma non rilevante, delle immatricolazioni totali ha beneficiato dei superammortamenti. Il progetto di legge di bilancio per il 2018 non prevede però che i superammortamenti vengano rinnovati anche per gli autoveicoli e le autovetture utilizzate come beni strumentali. In relazione a questo fatto si riteneva che vi potesse essere un’accelerazione delle immatricolazioni di questo tipo di autovetture dovuto alla scadenza dell’agevolazione al 31 dicembre. Questo effetto potrebbe esservi in novembre e dicembre, ma con entità contenuta in quanto il progetto di legge di bilancio prevede che l’agevolazione si applichi alle autovetture destinate ad uso strumentale ordinate entro il 31 dicembre 2017 e consegnate entro il 30 giugno 2018. L’effetto della fine dei superammortamenti si spalmerà quindi negli otto mesi che vanno da novembre al giugno prossimo. Anche il 2018 potrà quindi contare su questo apporto che contribuirà a migliorare prospettive che si presentano già positive anche perché la domanda di autovetture sta rispondendo prontamente agli stimoli provenienti dall’accelerazione della ripresa dell’economia e dal sensibile miglioramento della fiducia delle famiglie e delle imprese che risulta dagli indicatori dell’Istat.

Una conferma del permanere di prospettive positive per il mercato dell’auto viene anche dall’inchiesta congiunturale mensile del Centro Studi Promotor condotta alla fine di ottobre. Secondo questa fonte gli operatori che si attendono nei prossimi mesi domanda in crescita o stabile sui buoni livelli attuali sono attualmente l’81%. La domanda di autovetture, oltre a beneficiare del miglioramento della congiuntura economica, appare fortemente sostenuta da una quota ancora rilevante di domanda di sostituzione rinviata negli anni della crisi che ci stiamo lasciando alle spalle. Le prospettive del mercato dell’auto nel 2018 e negli anni successivi saranno al centro della conferenza stampa che il Centro Studi Promotor terrà il 1° dicembre in occasione dell’apertura del 41° Motor Show di Bologna.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *