coupe2

I Coupè usati venduti più velocemente

Il portale autouncle.it ha effettuato una ricerca per scoprire quali sono i Coupè usati venduti più velocemente negli ultimi due mesi.

Al primo posto, troviamo  l’ Alfa Romeo GT. Prodotta dal 2003 al 2013 come erede delle storiche GT tre volumi del Biscione, è nota per la sua eccezionale accelerazione e manovrabilità (questo ha fatto sì che, tra le altre cose, sia stata adottata dalla polizia australiana!).
Al secondo posto c’è la  VW Scirocco: presentata al pubblico per la prima volta nel 1974, la versione originale si basava sull’idea della Golf 1 e venne realizzata anche sulla stessa piattaforma. Diversamente dalla Golf, a Scirocco è tuttavia, oggi, una coupé sportiva a tutti gli effetti. Nel 1992 la produzione venne interrotta, per poi essere ripresa nella seconda metà del 2008, con l’uscita della terza versione.
Chiude il podio la  Smart ForTwo Coupé, che stacca notevolmente le altre classificate per numero di esemplari venduti. I vantaggi della piccola biposto sono noti. Oltre all’indubbia praticità per gli spazi urbani, la Smart continua a piacere anche per i consumi: la piccola ForTwo Coupé vince anche qui, con i suoi 3,3 litri per 100 km.
Segue, poi, l’ Audi A5, che ovviamente riguarda tutt’altro budget. Nata per fare concorrenza alla BMW Serie 3 Coupé, alla Mercedes-Benz Classe CLK e all’Alfa Romeo Brera, continua ad avere successo anche al cinema (da 007 ad Iron Man). Disegnata da Walter De Silva (che pare la consideri la più bella auto da lui progettata), ha visto un importante facelift nel 2011 con un inedito frontale e nuove luci posteriori.
Altra auto coupé cabrio dal grande fascino è la BMW Serie 4. La tedesca richiama lo stile della precedente generazione della Serie 3 e si dimostra adatta a tutto l’anno grazie al tetto rigido retrattile che si ripiega in tre elementi per poi posizionarsi nel cofano in appena 20 secondi. Curatissimi, come sempre gli interni. Certo, parliamo di budget oltre i 30mila euro.

coupè

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *