2chiavi_in_mano

Cresce il numero di persone che preferisce “affittare” l’auto piuttosto che comprarla

È un dato importante quello relativo alla spesa per l’acquisto di auto nuove nel 2014 in Italia: sono infatti circa 24,7 i miliardi di euro, ben 1 miliardo e 50 milioni in più del 2013. La buona notizia viene dal Centro Studi Fleet&Mobility, che ha quantificato i dati forniti dall’Unrae . Il 60% della spesa è stata fatta da acquirenti privati (14,7 miliardi, con soltanto 300 milioni più del 2013), in questa categoria però bisogna inserire anche i possessori di partita IVA. Buona parte della crescita quindi è dovuta ai noleggiatori, salita a oltre 4,9 miliardi dai 4,3 del 2013 (600 milioni di euro in più con un +13,5%), che quindi rappresenta il 20% del totale. Le società, invece, che coprono un quinto del mercato, hanno superato seppur di poco i 5 miliardi, con una crescita di 160 milioni (+3,3%).
Il prezzo medio delle auto immatricolate risulta fermo a 18.000 euro: per i privati a 17.200, per le società a 19.900 e per i noleggiatori a 18.700.
In base a questa statistica i compratori privati hanno aumentato la spesa per nuove auto soltanto del 2%, pari alla metà della media del mercato. Questo dato secondo Pier Luigi del Viscovo, Direttore del Centro Studi Fleet&Mobility, “va spiegato con il forte incremento della domanda da parte dei noleggiatori (+13,5%), che hanno attirato molti nuovi clienti proprio tra i professionisti e le piccole Partite IVA. Significa che un numero consistente di automobilisti, circa il 2% dei ‘privati’, ha scelto di non acquistare l’auto, ma di affittarla.” È evidente dunque che continua il trend che vede cambiare le abitudini degli automobilisti italiani che tendono sempre più ad “affittare” l’auto piuttosto che comprarla.

1 commento
  1. Mister X
    Mister X dice:

    ci sono due notizie, una bella e una brutta :
    quella bella per tutti e’ che il fatturanto aumenta e che quindi la crisi si attenua,
    quella brutta per i “markettari” e’ che devono fare di piu’ per vendere ai privati che stanno perdendo

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *