madamaserati

Nel cuore del laboratorio-bunker dove nasce la Maserati MC20

Nel sofisticato Engine Lab nel rinnovato stabilimento in via Ciro Menotti di Modena.

Per molti è stato amore a prima vista. Quando è stata presentata pochi mesi fa la Maserati MC20 ha ”scaldato” i cuori di molti appassionati. Certo è bella, molto bella ma la realtà è che la MC 20 è la Maserati della svolta. La capostipite di una nuova generazione di GT e SUV inedite. Un taglio netto con il passato, leggi anche Ferrari, per vetture che hanno l’ambizione di riappropriarsi dell’inconfondibile pedigree del Tridente all’interno del gruppo Stellantis. Cuore della MC20 è il nuovissimo V6 biturbo di tre litri 630 CV (con una potenza specifica da record: 210 CV/litro), 730 Nm di coppia.

Maserati lo ha mostrato con orgoglio all’interno del sofisticato Engine Lab nel rinnovato stabilimento in via Ciro Menotti di Modena dove verrà costruita e commercializzata la MC20 nel prossimo futuro. Una presentazione ovviamente virtuale dove abbiamo comunque potuto ammirare questo fiore all’occhiello dell’industria italiana, mentre il responsabile del progetto l’ingegner Matteo Valentini ne ha illustrato le caratteristiche salienti. Accanto a lui il responsabile del Centro, Jonata Azzali. Innanzitutto è importante sottolineare che questo “esplosivo” V6 è il primo motore interamente progettato e costruito da Maserati ed è il capostipite di una famiglia di propulsori che si declinerà in diversi livelli di potenza sulle auto del Tridente di domani, compresa la SUV Grecale.

Motore talmente sofisticato da essere coperto da brevetto internazionale per il suo esclusivo sistema di combustione derivato dal mondo della F1. In sintesi, alla combustione tradizionale è stato associato un sistema a precamera, che incorpora una candela d’accensione. Sempre in sintesi, questo sistema fa sì che si generino diversi fronti di fiamma per una combustione più rapida e uniforme. Il risultato? Molta più potenza ed efficienza. In una parola prestazioni sulla carta ancora più entusiasmanti: tanto per dare un’idea la MC20 passa da 0 a 100 in meno di tre secondi e raggiunge i 325 km/h. Un’auto esclusiva, il cui compito è trainare il marchio verso il futuro. E’ una supercar in tutto anche nel prezzo: 216 mila euro e prime consegne a breve. In futuro oltre ad una versione scoperta, della MC20 verrà anche realizzata nel 2022 una versione full electric. A Modena a quanto pare fanno davvero sul serio. (motori.corriere.it)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *