Fari_notte

Ospite di Autologia: Paolo Cafieri

Fari: Cari come il fuoco.

Durano di più, illuminano meglio e sono di moda. L’adozione delle tecnologie a Led e allo xeno sulle vetture è imperante, ma se i fari si rompono son dolori. Un’indagine di Dat-Italia lo dimostra

Sarà una questione di moda o di pratica utilità. Sta di fatto che già da qualche hanno è scoppiata la febbre da led, assai efficienti e di durata praticamente illimitata. Tutto vero. C’è, però, un piccolo problema: il piccolo urto in fase di parcheggio che lascia intatta la carrozzeria, ma manda in frantumi fari o fanali. E allora son dolori. A soffrirne di più, infatti, è il portafoglio. Una bottarella costosa, quindi, ma quanto? Dipende. Il bello è che, in caso di rottura, le Case non forniscono la sola parte di plastica trasparente del fanale (quella che più di tutte è esposta agli urti), ma hanno in listino solamente il ricambio intero. Morale: il passaggio dall’illuminazione tradizionale a quella a led e xeno (pur con gli innegabili vantaggi che descriviamo in un apposito box più avanti) costa, in termini di spese per i ricambi, molto, ma molto di più. Numeri campati in aria? Assolutamente no. Dat Italia, multinazionale specializzata nel settore automotive, ha compiuto un’indagine molto approfondita che mette in risalto il costo di sostituzione di un faro a led. E le sorprese non mancano.

Si va dai 3.200 euro dell’Audi A3 o della Hyundai iX35, passando per i 2.400 della Peugeot 208, Land Rover Evoque o Citroen C4: questo il costo di due semplici fari. Certo, “semplici” per modo di dire perché parliamo di sistemi intelligenti, a Led e gestiti da computer, ma spesso l’automobilista ignora che un piccolo urto si possa trasformare in una tragedia economica. Quelli appena citati sono solo degli esempi, ma il problema riguarda un po’ tutte le auto, comprese le popolari Panda, per la quale, per esempio, per un paio di fanali si spendono 340 euro.

Caso a parte le supercar dove il culmine lo tocca la nuova Mercedes Classe S coupé visto che i suoi proiettori Intelligent Light System LED assistente vista notturna con Cristalli Swarovski costano la bellezza di 6.000 euro.

ALLEGATI PDF:

Tab 1 – COSTO SOSTITUZIONE FARI DELLE 10 AUTO PIÙ VENDUTE NEL 2014

Tab 2 – IL PREZZO DEI FARI DELLE AUTO PIÙ VENDUTE NEL 2014

Tab 3 – IL PREZZO DEI FARI DELLE SUPERCAR PIU’ VENDUTE NEL 2014

Tra l’altro Dat-Italia ha realizzato tre tabelle molto complete “del caro-fanali” (una per le supercar, una per le 50 auto più vendute in Italia e una per le Top Ten). L’indagine ha svela che, in alcuni casi, si può arrivare perfino al 20% del valore complessivo dell’auto. Tra i tanti accessori offerti dalle case auto i proiettori hanno un notevole effetto sul prezzo complessivo.

“Le case automobilistiche, commenta l’ing. Antonio Coppola Direttore Generale di DAT-Italia, si sforzano sempre più di introdurre innovazione e nuove tecnologie nei veicoli per migliorarne le prestazioni, per renderli più sicuri, confortevoli e anche più economici. Talvolta però gli investimenti di ricerca e sviluppo sono rivolti a seguire le esigenze di mercato e le mode che non sempre vanno nella direzione di una migliore efficienza economica per chi acquista l’auto. Poi, si può sempre cavalcare il risparmio sulle emissioni di CO2, che va sempre di moda.”

Dall’analisi della Dat-Italia emergono, tra le altre cose, due risultati interessanti: il costo di proiettori alla moda ha un effetto notevole sul valore del veicolo nuovo (ma non è detto che poi lo abbia anche quando il veicolo diventa usato); le assicurazioni che spalmano i premi delle RC sul numero di eventi/anno tengono conto che anche coloro che non acquistano auto con fari evoluti devono contribuire ai costi della loro eventuale sostituzione?

Un ultimo punto che deve far riflettere perché i proiettori sono i componenti maggiormente gettonati in caso di sinistri, dopo i paraurti e passaruota.

UN MARE DI LED

I costi per chi sbaglia la retromarcia o per chi, invece, dovesse trovarsi la sorpresina al parcheggio, sono destinati ad aumentare con il prevedibile dilagare dei led nella futura produzione automobilistica. Sono, infatti, numerosissimi i modelli che hanno sposato la nuova tecnologia e altri, immaginiamo, seguiranno. Infatti, a parte i benefici per gli utenti, la nuova tecnologia ne offre un altro che torna soprattutto a vantaggio delle Case: i led, che sono sorgenti di luce dimensionalmente molto compatte, liberano in parte dai vincoli nel disegno delle parabole e quindi permettono una maggiore libertà ai progettisti e designer, che così possono realizzare fari e fanali di dimensioni più contenute, più sottili, di forma inusuale o molto complessa, in grado di creare motivi di luce con forte intensità. Un bel vantaggio per chi dovrà disegnare le auto del futuro. Che, però, si traduce già oggi in un robusto prelievo dal portafoglio di chi deve intervenire a proprie spese sull’impianto di illuminazione.

UN DIODO È PER SEMPRE

Va bene, i fanali di ricambio a led sono molto più costosi di quelli tradizionali. Ma va anche considerato che le “lampade” a semiconduttore hanno diversi vantaggi rispetto alle altre. Eccoli.

DURATA

le normali lampadine a incandescenza hanno una vita utile di qualche centinaio di ore, che si riduce drasticamente in caso di sovratensioni e di elevate vibrazioni. I led, invece, durano fino a 50.000 ore, il che è come dire che non si cambiano mai. Quindi (almeno in teoria) sono azzerati i costi di sostituzione, tutt’altro che trascurabili.

EFFICIENZA

A parità di luce emessa, il consumo di energia di un led è di gran lunga inferiore a quello di una lampadina. Per fare un esempio, un terzo stop a led assorbe 2-3 watt, mentre uno tradizionale ne può consumare cinque volte tanto. E, in prospettiva, anche per i proiettori il risparmio energetico è apprezzabile: mentre una normale lampada alogena H7 assorbe 55 watt e una allo xeno 35, un faro a led può accontentarsi di meno di 20 watt.

SICUREZZA

L’accensione dei led è immediata, decisamente più rapida di quella delle tradizionali lampadine a incandescenza. Lo si nota nelle vetture dotate di terzo stop a led, che s’illumina un attimo prima dei due fanali normali: una caratteristica che può aiutare a prevenire gli incidenti.

 

1 commento
  1. Autologia
    Autologia dice:

    Una analisi completa sui nuovi fari che equipaggiano le auto più recenti, da parte di uno dei più grandi esperti di after sales

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *