fca

FCA si sposa? Questa con Renault sembra la volta buona

Nel tempo sono stati tanti i potenziali “fidanzati” di Fiat (ora Fca). Ci sono state aziende americane, europee, giapponesi e coreane. Le alleanze sono indispensabili per sopravvivere, lo diceva già l’Avvocato negli anni ’80, quando Fiat era la prima in Europa, ma la crisi mondiale incalzava: “Siamo su una bellissima nave da crociera, seduti al tavolo del poker, – esemplificava, per rendere l’idea – abbiamo davanti molte più fiches degli altri…peccato che la nave stia affondando!”

Bene. Sembra proprio che questa sia la volta buona. Il fidanzato ideale pare essere francese, ma anche molto giapponese, infatti come riportano i principali organi di stampa, Fca è in “trattative avanzate” per un’ampia collaborazione con Renault che, in futuro, potrebbe tradursi nell’ingresso di Fiat Chrysler nell’alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi.

Il sasso nello stagno, questa volta lo ha tirato l’autorevole Financial Times, specificando  che le trattative sono concentrate su un’ampia cooperazione fra Fca e Renault, che sta cercando di garantire un futuro alla Azienda dopo l’arresto del CEO Carlos Ghosn.

I due “fidanzati” non commentano, ma Fiat Chrysler in passato ha più volte ribadito di essere aperta a dialogare con tutti. “Se c’è una partnership, una fusione o un accordo che ci rende più forti, allora sono assolutamente aperto a valutare” ha detto di recente l’amministratore delegato di Fca, Mike Manley, in un’intervista proprio al Financial Times.

La Casa francese è “innamorata” di Fca soprattutto perché la gran parte delle attività di Fiat Chrysler è concentrata in America, laddove Renault è assente. Ed inoltre fanno gola  brand prestigiosi come Alfa Romeo e Maserati, che Renault non possiede. Nel caso in cui Fca dovesse entrare un giorno nell’alleanza Reanult-Nissan-Mitsubishi la “bilancia del potere all’interno della partnership si sposterebbe ulteriormente dal Giappone portando al tavolo John Elkann” aggiunge il Financial Times.
fca 1

1 commento
  1. Autologia
    Autologia dice:

    JEEP TORNA IN RENAULT?

    Il marchio Jeep ha una storia curiosa, essendo stato proprietà di numerosi gruppi automobilistici. Inzialmente era parte di American Motors, poi acquistata dal Gruppo Renault, quindi passata a Chrysler a sua volta inglobata da Daimpler Benz e poi infine ceduta ad FCA.
    Quel che appare abbastanza curioso – e forse per molti poco piacevole – risiede nel fatto che la tecnologia Jeep, senza dubbio una delle migliori e meglio collaudate del’intera produzione mondiale, sia ora patrimonio di molte case, persino giapponesi vista la fusione con alcuni dei marchi che ne sono stati proprietari.
    Una storia singolare, vero, ora che forse la Jeep ritorna – a metà – nel patrimonio Renault.
    Valerio Alfonzetti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *