ronco

Ferrari: la storia si ripete

Ancora una volta alla Ferrari si è ripetuta la “liturgia”. Un rito, quasi.

Squadra perdente? Via il responsabile del team.

Se andiamo a ripercorrere la magnifica, lunga e spesso travagliata storia della Casa di Maranello, scopriremo che è accaduto spesso: quando i risultati mancano deve saltare “il” o “un” responsabile molto alto in grado.

Succedeva con il grande Enzo, padre-padrone del glorioso marchio, e la storia è continuata fino ad oggi: se la Ferrari perde, la colpa deve ricadere su qualcuno perché la Ferrari non può e non deve essere colpevole di un insuccesso.

Potremmo citare una serie innumerevole di casi clamorosi nel corso della storia agonistica del Cavallino. Dall’Audetto liquidato dopo il caso Lauda nel 1976, ai vari Fiorio, Lombardi, Domenicali, fino all’odierno Arrivabene. Ma la sequenza è ben più lunga, dai tempi di Dragoni, Franco Lini, Chiti, Rosani, Castelli, Cappelli: storie di contrasti, ripulse, vendette, fino alla più recente comparsa e scomparsa repentina di Mattiacci. Sia chiaro: è vero che chi sta all’apice raccoglie inevitabilmente responsabilità sia positive che negative, ma è abbastanza curioso osservare che tra i team della Formula 1, specie in quelli di vertice, si riscontra una certa stabilità, mentre ciò non avviene alla Ferrari. Pensiamo alla lunga gestione di Ron Dennis alla McLaren, o di Toto Wolf alla Mercedes, di Horner alla Red Bull, di Bernie Ecclestone alla Brabham. Nel bene e nel male.

Ma la Ferrari è un caso a parte: è il faro della Formula 1 e da lei si pretendono risultati eccezionali, sempre e comunque. Una pressione interna ed esterna, data dai tifosi e dalla stampa: non solo quella nazionale ma anche quella internazionale. E questo determina un clima molto difficile all’interno del team, testimoniato da vicende clamorose che partono da Manuel Fangio e John Surtess, tanto per fare esempi remoti, fino a Prost ed Alonso. E’ un fatto risaputo nell’ambiente e fra i piloti: tanto è vero che quando nel 1987 chiesi ad Ayrton Senna se pensava di andare alla Ferrari mi rispose: “ Alla Ferrari devi andare quando sei già campione del mondo “. E mi apparve prevenuto anche dopo due e tre titoli conquistati.

Ora il numero 1 è Binotto: e si ritrova nella posizione che fu di Mauro Forghieri, direttore tecnico e sportivo.

Auguri a lui ed alla Ferrari!

 

3 commenti
  1. Franco
    Franco dice:

    Senna? forse non vi eravate capiti….Ayrton firmo’ un pre contratto con la Ferrari alla vigilia di Silverstone ’91 (lui stesso lo confermò in occasione del G.P. di Monza). accordo firmato con Cesare Fiorio in tutta segretezza anche dei vertici della Casa. Accordo che il presidente di allora ,tale ing.Fusaro, non volle riconoscere e stracciò l’accordo.

  2. Enrico
    Enrico dice:

    La vicenda Arrivabene può certamente essere accostata agli altri casi citati per l’esito finale, del tutto impropria per la caratura del personaggio. Arrivabene è stato un miracolato per quattro anni , peccato ci sia voluto tanto tempo per accorgersene: già dopo il disastroso 2016 Marchionne avrebbe dovuto prendere questa decisione, forse oggi non saremmo ancora con 0 titoli in bacheca dal lontano 2007!

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *