Maserati-Ghibli-Hybrid

Ghibli Hybrid, la prima Maserati elettrica

Il Tridente ha il suo primo modello elettrico con colorazione ad hoc con inserti blu a sottolinearne un’eleganza contemporanea. Il sipario si è alzato oggi alle 13 in streaming, come ormai fanno tutte le Case per il coronavirus. Un grigio evoluzione che colpisce per i suoi luccichii (in Cina la versione di lancio sarà Rosso Magma). Un affascinante tuffo nel futuro grazie alla Ghibli Hybrid da 225 kmh. Un cuore di 1998 cc prodotto a Termoli, dall’inconfondibile sound Maserati, a 4 cilindri da 330 cv (rivisto nelle sue componenti meccaniche dall’Innovation Lab Maserati di Modena per erogare una
maggiore coppia) abbinato a BSG, eBooster e batteria a 48 volt. Più veloce del diesel, più ecologica del benzina. Accelerazione 0-100 kmh in 5″7, velocità massima di 255 kmh, consumo di 8,5 litri x 100 km.

“Il sistema plug-in lo abbiamo analizzato a fondo – ha spiegato Corrado Nizzola, ingegnere capo responsabile dello sviluppo dei veicoli elettrificati – aggiungendo che questo ibrido Maserati ha la potenza specifica pià alta sul mercato. Un motore derivato dal 2.0 Multiair del Gruppo FCA, pur essendo rivisto in toto dal Lab di Modena con il preciso obiettivo di massimizzarne l’erogazione di coppis e di potenza”. “Il sistema della Ghibli Hybrid – sostiene Francesco Tonon, capo del Product planning – rappresenta una soluzione tecnica che racchiude i benefici di un quattro cilindri e le prestazioni di un
sei”.  La centralina è firmata Bosch. Lunghezza 4,971 m. Una Ghibli completamente “made in Italy”: verrà assemblata nel torinese a Grugliasco nello stabilimento Gianni Agnelli dal 9 settembre, i primi esemplari arriveranno nelle concessionarie a fine ottobre.

Il listino prezzi non è stato ancora definito. La produzione per i mercati giapponesi e coreani è programmata per febbraio 2021. Una Ghibli Hybrid che si basa sull’evoluzione della Ghibl V6 e che promette a chi la guiderà un sicuro divertimento. Scendendo in dettaglio il sistema ibrido è costituito da quattro elementi: BSG (Belt Starter Generator),
batteria, eBooster e un convertitore DC/DC. Il primo svolge la funzione di un alternatore, permettendo di recuperare l’energia in frenata e decelerazione andando così a ricaricare la batteria situata nel vano baule che a sua volta serve per alimentare l’eBooster. La presenza del compressore elettrico è quello di andare a supportare il turbocompressore classico. Il cambio è automatico ad otto rapporti ZF, presente anche sulla Quattroporte e sul Levante.

Le sospensioni hanno configurazione a quadrilatero con doppio braccio oscillante. Impianto frenante dual-cast Brembo, sterzo elettrico assistito (EPS), Maserati Stability Program (MSP), Sistemi ADAS, Active Driving Assist, Lane Keeping Assist (LKA), Active Blind Spot Assist (ABSA), Traffic Sign Recognition (TSR), Adaptive Cruise Control (ACC), Forward Collision Warning Plus (FCW Plus), Advanced Brake Assist (ABA), telecamera posteriore con griglie dinamiche, Rear Cross Path, sistema di monitoraggio della pressione delle gomme, sicurezza passiva. Scendendo nei dettagli spiccano le prese d’aria sul parafango anteriore, blù anche le pinze dei freni Brembo e la saetta nel logo sul montante. Ma si evidenzia anche la nuova griglia caratterizzata dal diapason Maserati.

L’inedita calandra si basa su questa forma e si presenta con griglia cromata nella versione GranLusso e Nero Black Piano, ancora più sportiveggiante nella GranSport. Anche dietro non mancano le chicche, con una nuova linea di fanali dallo stile definito boomerang design e che evoca modelli del passato. Per sottolineare questo moderno design dall’innovativa tecnologia di iniezione 3K il fanale dispone di una lente tricolore, nera nella parte perimetrale, rossa in quella centrale etrasparente nella parte inferiore. Il fanale, inoltre, è realizzato in due versioni: black per le accattivanti versioni con Black pack e più chiaro per quelle raffinate. Una Ghibli con allestimenti GranSport e GranLusso. Sfoggia una User Experience innovativa.

L’ HD del sistema ha un display ad alta risoluzione con funzione multi-touch ed una nuova interfaccia grafica. Sulla versione base c’è di serie l’impianto audio Harman Kardon cda 280 W con otto altoparlanti. In opzione il Premium Harman Kardon con 10 altoparlanti. Climatizzatore con sensore della qualità dell’aria AQS. La chiave in alluminio riflette lo stile della Ghibli ed è dotata di Tecnologia Keyless Entry. Chiusura assistita delle porte, vano porta oggetti con bloccaggio elettrico. A partire dal MY21 tutte le Maserati saranno connesse grazie al programma Connect. La casa del Tridente, in Europa, nei primi 4 mesi ha venduto 856 vetture (di cui 234 Ghibli) con un calo del 90,33% rispetto allo stesso periodo 2019. In Italia, nel segmento F, la Ghibli è al posto d’onore preceduta solo dalla Porsche 911.

La Ghibli ibrida anticiperà l’arrivo di novità per la famiglia Trofeo, oltre all’attesa MC20 prevista a settembre. Nel 2021 inizierà la produzione delle rinnovate Gran Turismo e Gran Cabrio e che saranno le prime vetture del brand ad adottare soluzioni 100% elettriche e nasceranno a Mirafiori con un investimento di 800 milioni di euro.

Le ultime generazioni di questi modelli hanno raggiunto oltre 40 mila unità vendute dal 2007 al 2019. Insomma come ha evidenziato la Gazzetta dello Sport “la musica è cambiata per il Tridente e da settembre passato e futuro si incontreranno per far ritornare il brand sul palcoscenico mondiale della mobilità del futuro”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *