1_primo_classificato 3

Idee innovative di giovani designer premiate con la “Targa Rodolfo Bonetto”

Mercoledì 8 giugno, allo Spazio Eventi US49 di Milano, durante una serata condotta dal giornalista Giorgio Tartaro, è stata consegnata la “Targa Rodolfo Bonetto 2016”
Il tradizionale concorso annuale riservato agli studenti delle Università e delle scuole di Design di tutto il mondo, quest’anno è stato organizzato con il patrocinio di Federlegno Arredo, ADI Associazione per il Disegno Industriale e Fondazione ADI Compasso d’Oro.
Istituita nel 1991 da Marco Bonetto in memoria del padre Rodolfo, uno dei grandi maestri del design italiano, la ‘Targa Rodolfo Bonetto’ vuole rispecchiare il pensiero di questo grande designer che nel corso della sua carriera professionale ha voluto non solo creare innovazione del design, ma anche del concetto legato al prodotto industriale.
Lo stesso Marco Bonetto chiarisce il concetto, affermando che: “L’avanzamento dell’assunto tecnologico, in quanto per sua natura muto, non può prescindere dal design, inteso quale elemento di sintesi tra l’uomo e lo strumento. Un design sempre più evoluto e intelligente che riesce a generare scenari di mercato straordinariamente sorprendenti, un design che riesce a diventare fattore determinante nel campo più lato dell’interesse progettuale.”
Autodidatta, Rodolfo Bonetto ha fornito un contributo essenziale all’insegnamento del Design Industriale. Docente alla Hochschule für Gestaltung di Ulm, e all’Isia di Roma, membro e presidente dell’ADI e dell’ICSID, ha ricevuto otto Compasso d’Oro. “Il design è come una farfalla tra le mani – soleva spesso ripetere Rodolfo – se la stringi troppo muore, se la lasci andare vola via”
La proposta vincitrice di questa edizione, è stata “Loop”, un sistema di navigazione per interni, realizzato da Giulio Fuzzi, Federico Marchetta, Daniele Gamba e Giuseppe Marchetti dell’Università Politecnico di Milano Facoltà Disegno Industriale.
Si tratta di un vero e proprio GPS che permette alle persone non vedenti di orientarsi negli ambienti chiusi.
Ai vincitori in premio anche una minicar elettrica Renault Twizy personalizzata dalla Carrozzeria Castagna.
Secondo classificato, il progetto “ForYou”, di Giulia Geremia, anch’essa dell’ Università Politecnico di Milano Facoltà Disegno Industriale: un’idea per “diluire” lo stress e la noia, soprattutto dei bambini, nelle sale d’attesa.
Al terzo posto, il progetto “Virtual Drone” concepito da Ludovica Schiavone, Sebastian Vocale e Sibilla Vannucci, dell’ISIA di Pescara: un drone subacqueo, per perlustrare il fondo marino, collegato wireless a una base galleggiante alimentata da un pannello solare. (www.targabonetto.it).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *