LPCuneo-IRC015MB

Il mio primo rally…a 65 anni.

“Ho pensato di condividere su Autologia.net l’avventura che mi sono regalato. Chi legge questo blog, sa che i rally sono la mia grande passione, fanno parte della mia vita da oltre 45 anni. E così, dopo aver esordito come navigatore, aver fatto il direttore sportivo e anche l’organizzatore, mi mancava solo una gara da pilota. 
Così il mio primo rally da pilota è stato scandito da questi numeri:
65-37-350-143-21. 
65 gli anni, che compio ad ottobre e questo è stato il mio regalo. Un po’ di follia….
37 anni fa l’ultima gara affrontata, ma da navigatore (vincendo nel 78′ il campionato TRN gruppo 1) con una Opel Kadett. 
350 i cavalli della Subaru Impreza gruppo R4. 
143 i km di prove speciali inserite nel percorso di gara. 
21 il numero di gara. 
Per arrivare alla decisione di partecipare, tre elementi erano imprescindibili:
Il percorso ,la vettura e il navigatore. 
Per la scelta della gara sarebbe stato più facile e scontato partecipare a una ronde o a un rally nazionale, più corto come chilometraggio, ho scelto invece il rally Valli Cuneesi, perché volevo una gara completa, su asfalto, con prove speciali lunghe, un percorso molto vario. Insidioso nei tratti più stretti e tortuosi, con qualche brivido per alcuni punti decisamente velocissimi. Con una prova speciale di notte, come ai vecchi tempi. 
Una gara, che fa parte del campionato IRC, ottimamente organizzata dallo staff diretto da Piero Capello
Il parco vetture disponibili a noleggio, escludendo a priori le più estreme WRC, era circoscritto tra le più piccole R2 ed R3
(Peugeot, Renault e Citroen) le medie R4 
( Subaru o Mitsubishi) e le più performanti R5. Ho scelto la Subaru Impreza, un modello che ha fatto la storia dei rally, in una nuova versione, con uno straordinario cambio sequenziale. Decisiva è stata anche la fortuna di trovare un preparatore come Natale Bertino. Oltre alle competenze meccaniche, ci vuole del feeling umano con chi ti fornisce il mezzo per correre, con lui e il suo team c’è stato fin dal primo incontro per definire il programma e nei test pre-gara, indispensabili per prendere confidenza con la vettura. 
L’equipaggio nei rally è composto da pilota e navigatore. Sarà perché sono stato sempre navigatore ,ma riconosco l’importanza del ruolo. A parte il luogo comune, che un suo errore può far perdere la gara tanto quanto quello del pilota, i risultati possono arrivare soltanto se c’è sintonia e fiducia. A iniziare dalle ricognizioni, dove si condivide la tecnica nella stesura delle note. 
E poi l’umore, che nell’abitacolo non può interferire e intralciare la concentrazione. Maurizio Barone è un professionista e accanto a lui mi ha fatto sentire altrettanto professionista, anche se aveva oltretutto il compito di istruirmi. Fondamentale è stata anche la partecipazione, con lui come tutor, alla scuola rally di Vittorio Caneva, un vecchio amico al quale va tutta la mia stima. 
Il 4 settembre la gara ha preso il via da Dronero. La mia prima prova speciale, che si svolgeva a Bagnolo, è iniziata con questa sequenza di note: 
50 S3 30 D3 lunga 40 !S1. 
Giusto qualche centinaio di metri di emozione, poi il ritmo impresso da Maurizio, mi ha riportato alla realtà. Stavo facendo il mio primo rally da pilota. 
A 65 anni si può. 
Se c’è la passione.

2 commenti
  1. Faber
    Faber dice:

    Luca sei un grande! Dicevi se c’è la passione…aggiungerei il coraggio, l’umiltà di mettersi in gioco, alla veneranda…!!! Siamo coetanei e sinceramente nonostante la passione enorme che ho sempre avuto x i rally,
    non so se riuscirei ad approcciarmi con la stessa semplicità (apparente!!!).

  2. Elio Bottero
    Elio Bottero dice:

    Bravo Luca, sei forte! Hai fatto bene a farti il più bel regalo di compleanno che potessi pensare, a corollario della tua passione di una vita.
    Grazie della pubblicità, per me un buon investimento, perché nelle mani di un professionista scrupoloso e ben preparato.
    Ciao.
    Elio

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *