microondemissioni

In Europa i forni a microonde producono la stessa CO2 di quasi sette milioni di auto

Spesso le nuove automobili sono accusate di non avere più una personalità, di non avere fascino. Sono di più le donne, ma anche i giovani, che considerano l’auto un elettrodomestico utile soltanto per spostarsi.

Sarebbe di suo già un atteggiamento estremo di mancanza di feeling con le auto, per noi ovviamente esagerato. Ma l’accostamento a un elettrodomestico diventa drammatico per quanto pubblicato dall’Università di Manchester, che sulla rivista Science of the Total Environment, ha “informato” che i forni a microonde in uso nell’Unione Europea emettono ben 7,7 tonnellate di anidride carbonica all’anno. Come dire l’equivalente di 6,8 milioni di auto, quasi quante circolano nel nord dell’Italia.

In prospettiva è stimato che entro il 2020 ne verranno venduti altri 135 milioni,  poiché il loro ciclo vita si è ridotto drasticamente, passando dai 10-15 anni degli anni novanta ai 6-8 di oggi.

Con questi numeri è inoltre pensabile che a pesare sulle emissioni siano soprattutto i consumi energetici. L’energia  utilizzata è infatti stimata in 9,4 terawattora all’anno: la stessa generata annualmente da tre centrali elettriche a gas. Bisogna anche considerare il consumo del singolo forno a microonde, in otto anni di vita media, che è pari a 573 kilowattora.

Ma non finisce qui, infatti, altro problema pressante è lo smaltimento : sempre in Europa, sono stati 184 mila tonnellate di rifiuti “elettrici” nel 2005, che arriveranno a 196 mila nel 2025. In particolare, saranno circa 16 milioni di forni a microonde ad essere rottamati. Sempre secondo i ricercatori inglesi, problema ambientale sarà molto preoccupante. E stiamo parlando soltanto di Europa…e siamo in attesa dell’auto elettrica…

Leggi anche: Mobilità elettrica: i conti non tornano e…

1 commento
  1. Mauro Tassinari
    Mauro Tassinari dice:

    Dunque un forno microonde consuma nella sua vita = l’equivalente di circa 55 litri di benzina.
    A fine vita vengono completamente recuperati e smaltiti mentre un automobile lascia kg di gomma e pastiglie freni sull’asfalto (sempre che non capitino incidenti)
    Se poi l’energia elettrica ce la facessimo con fonti rinnovabili l’impatto calerebbe moltissimo!
    Io ho un impianto FV ed una batteria da 3kWh che mi basta per cucinare la sera ed arrivare alla mattina dopo con luci frigo, TV, e vari.

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *