bonora

L’auto tra realtà e (per ora) solo dei sogni

Prima di tutto, complimenti all’organizzatore Maurice  Turettini e al suo team: il Salone di Ginevra 2019, visto l’affollamento di giornalisti e la sapiente disposizione degli stand, non ha fatto percepire, al colpo d’occhio, le assenze pur sempre pesanti. Turrettini & C, però, non devono abbassare la guardia. Per l’edizione 2020 dovranno pensare a qualcosa di diverso, creando il giusto mix tra l’esposizione di novità, la passione e l’innovazione legata alla mobilità e ai servizi a essa collegati.

Il «libro dei sogni», infatti, sarà sempre più predominante. E anche se le esagerazioni non mancano, la formula che porta aziende e pubblico, soprattutto le fasce più giovani, quelle sotto i cosiddetti «millennial», ruota attorno alla telefonia, alla connettività, alla guida autonoma, all’interfaccia uomo-macchina e macchina-infrastrutture, e ai servizi di condivisione. A questo bisogna aggiungere le sempre più citate smart road e smart city. Insomma, il mondo della mobilità che, almeno sulla carta, «sta cambiando alla velocità della luce», come direbbe Sergio Marchionne se fosse ancora tra noi.

E poi c’è il tormentone dell’elettrico, anzi, dell’elettrificazione. L’edizione di quest’anno ha preso una scossa molto forte. Non c’è stand dove non si parli di batterie, motori full electric o ibridi. L’«elettricomania» ha contagiato perfino i produttori di pneumatici, come Pirelli, che ha realizzato una marcatura ad hoc per i veicoli ibridi e a zero emissioni.

Leggi anche: http://autologia.net/parere-degli-esperti-al-salone-ginevra-un-trionfo-concept-car-anticipano-futuro-dellautomobile/

I fiumi di dollari e di euro investiti e da investire in questi motori hanno monopolizzato gli argomenti più discussi dai big del settore. La parola diesel, nella maggior parte dei casi, è saltata fuori sempre su sollecitazione. Le Case ci credono ancora, ma sono consce che per il diesel il destino è segnato.

Tutto vero: le norme impongono la svolta, ma c’è ancora tanto da fare. E quando si parla di 2025 o giù di lì, cioè 6 anni da adesso, sembra che il «sistema» sia, per allora, pronto al giro di pagina.

Il «libro dei sogni» va fortissimo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *