ferrari-aut

Mi compro un appartamento o una Ferrari usata ?

È di questi giorni, l’annuncio del presidente John Elkann che anticipa al 2025 il lancio della prima Ferrari completamente elettrica. Una svolta per la Casa di Maranello, che comunque non offuscherà questo mito italiano apprezzato in tutto il mondo
È il sogno di tutti gli appassionati di automobilismo possedere una Ferrari. Un sogno irrealizzabile per i più. Tuttavia c’è qualcuno che riesce… vendendo l’appartamento,  a comprarne una …usata.

E a proposito di Ferrari usate il portale Autouncle.it ha svolto un’indagine per stilare una classifica dei modelli più venduti negli ultimi due mesi
Al primo posto abbiamo la Ferrari California, che fu il primo modello nella gamma Ferrari ad adottare una carrozzeria di tipo coupé-cabrio, con capote in metallo, scomponibile e ripiegabile. Fu un momento di svolta nella storia della casa perché concepita per poter essere utilizzata come vettura di tutti i giorni. Dal 2012 si chiama California 30.
Berlinetta a due posti dalla linea mozzafiato, la Ferrari 488, al secondo posto, è la più nuova e la  più costosa in classifica). Evoluzione della 458 Italia (della quale riprende alcuni spunti) è più lunga di un paio di centimetri.
Il resto della classifica è ancora all’insegna della varietà. C’è la Ferrari F430, che chiude il podio: berlinetta sportiva prodotta dal 2004 al 2009, ha sostituito la 360 Modena. Proprio lei ha offerto molte innovazioni derivate dalla Formula 1, come il differenziale E-Diff.
E c’è la Ferrari 360, considerata la Ferrari “recente” più economica: da usata si trova anche a meno di 100mila euro. Si tratta della più “anziana” della Top, con 20 anni di età media.
La F430 di cui sopra è stata poi sostituita dalla Ferrari 458, quinta classificata, prodotta dal 2009 al 2015 in quattro modelli: Italia, Spider, Speciale e Speciale A. Rispetto alla precedente, la 458 ha emissioni e consumi inferiori, pur avendo maggiore cilindrata e potenza.
Sesto posto per la Ferrari Portofino. Erede della California T, è una coupé cabrio con tetto in alluminio che in 14 secondi si ripiega automaticamente nel cofano posteriore. Degno di nota anche l’abitacolo, che si distingue per la configurazione 2+2.
La Ferrari 812 Superfast (settima) è la Rossa di serie più potente di tutti i tempi, ma anche una granturismo da tutti i giorni: i suoi 799 cavalli sanno essere aggressivi o dolci. Anche l’elaborato design della carrozzeria è funzionale all’aerodinamica e alla gestione dei flussi d’aria in aspirazione. Tra l’altro, pare che nei prossimi giorni verrà presentata la Ferrari 812 Imola, secondo quanto trapela dalla community Ferrari Chat: Superfast parecchio modificata, avrà il motore V12 aspirato nella sua massima espressione.
All’ottavo posto troviamo invece la Ferrari F12berlinetta. Prodotta dal 2012 al 2017, al momento della sua presentazione era stata definita come la Ferrari più potente e prestazionale di sempre. Era il primo modello della nuova generazione di berlinette con motore a 12 cilindri.
Penultimo posto per la Ferrari F8 Tributo. Come la 812, la granturismo a due posti va ben oltre i 300mila euro di budget e offre un V8 biturbo da 721 cavalli centrale e la trazione posteriore. Le prestazioni sono notevoli, con uno scatto da zero a 100 km/h in 2,9 secondi e una punta di 340 km/h.
Chiude la classifica la Ferrari FF. Realizzata dal 2011 al 2016, offre 4 posti e 4 ruote motrici. È la prima vettura di serie di Maranello a offrire un sistema di trazione integrale intelligente (sperimentato sulla 408 4RM nella seconda metà degli anni ottanta), con un’altra novità per quanto riguarda il design: una carrozzeria shooting-brake. Non ci sono più, quindi, le fiancate concave ispirate alle sportive anni Cinquanta della 612 Scaglietti, di cui la FF raccoglie l’eredità. La linea, disegnata da Pininfarina sotto la direzione di Lowie Vermeersch e da Flavio Manzoni, mostra dunque un profilo proprio delle wagon a 3 porte.
FerrariBestseller

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *