andTheWinnerIs

Peugeot 3008 “Car of the year 2017”

Alla fine non ce l’ha fatta la favorita Alfa Romeo Giulia ad aggiudicarsi l’ambito premio “Car of the year 2017”. Oggi, infatti al Salone di Ginevra è stata proclamata vincitrice la seconda maggior accreditata, la Peugeot 3008. http://autologia.net/riuscira-la-giulia-riportare-car-of-the-year-italia-10-anni/
La giuria internazionale composta da 58 giornalisti specializzati automotive, che appartengono a 22 paesi europei (6 italiani), ha scelto il SUV francese con 319 punti, solo 23 più della Giulia. Pare che a tradire l’italiana siano stati gli iberici solitamente vicini ai marchi italiani che però questa volta si sono sentiti “orfani” dello storico PR madrileno di Fca recentemente “jubilado” anzi tempo.
Al terzo posto si è piazzata la Mercedes-Benz Classe E, che ha ottenuto 197 punti.
http://autologia.net/car-of-the-year-vincera-perche/
http://autologia.net/car-of-the-year-2017-lauto-celebrazione-si-7/
La vincitrice è una vettura non banale che si è subito fatta notare rivolgendosi ad una clientela che vuole distinguersi. La sua ambizione è imporsi come grande protagonista nel segmento dei SUV compatti. La nuova PEUGEOT 3008 propone una sintesi inedita tra stile, comfort e comportamento stradale. Lo spettacolare PEUGEOT i-Cockpit® di ultima generazione reinventa il posto di guida e propone anche numerosi equipaggiamenti High-Tech e aiuti alla guida, oltre a una connettività permanente.
Il premio Auto dell’Anno nato nel 1964 ogni anno premia la migliore automobile di nuova costruzione e progetto lanciata sul mercato europeo nell’anno appena concluso. Peugeot torna a vincere dopo soli 3 anni, infatti nel 2014 la Peugeot 308 si impose davanti a BMW i3 e Tesla Model S.
L’ultima auto del Gruppo ad essersi aggiudicata il premio fu la Fiat 500 nel lontano 2008, mentre invece per l’ultima vittoria Alfa Romeo bisogna tornare ancora più indietro nel tempo fino al 2001 con l’Alfa 147.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *