Mussa Charlotte

(Più di… ) Sette domande a Charlotte Rosier

Charlotte Rosier, consulente di immagine, parigina (e lo si capisce subito leggendo le risposte), appassionata di moda e di tendenze.

 L’aspetto è di una parigina, ma sotto questo cliche’ di ragazza elegante e chic c’è una vera professionista dell’ immagine, una fashion blogger raffinata  . 

 Non conosco personalmente Chiara Ferragni, ma parlandole ho pensato che poteva essere una Ferragni in versione parigina. Certo con infinitamente meno follower , mi suggeriscono gli specialisti di like e di altro digitale. Ma il paragone può reggere ugualmente .   

 Come dice di se’ : “…adoro aiutare le persone a rivelarsi, a svelarsi, a creare una coerenza tra quello che sono e la loro immagine”.   

 Dirige l’agenzia  Mademoiselle Charlotte http://www.mademoiselle-charlotte-relooking.com e tiene trasmissioni televisive 

 Da conoscere ! 

 

1 – Auto e moda, cosa ti viene in mente, quali vestiti suggerisci?

Lo stile della vettura può condizionare il look che adottiamo. Negli uomini, per la maggior parte dei collezionisti, l’adattamento al codice colore delle loro auto  è evidente, ovvio. Interni beige, interni neri, interni rossi. Tutto è una scusa per ricordare questo tocco di colore. Per gli altri, sarà la categoria in cui classificherà la propria auto (sport, berlina, …) che determinerà il loro comportamento.E alcuni credono che l’auto “vesta” l’uomo: non c’è bisogno di fare sforzi, l’auto rende il suo proprietario elegante, importante e lo fa brillare. Per le donne, la scelta dei tacchi è essenziale, fondamentale  per poter condurre al meglio. Esci dai tacchi a spillo per quelle meno esperte. Pensa di prendere il foulard per coloro che si avventurerebbero in fughe su un cabriolet

 2 – Auto, un aneddoto della tua vita parigina

Aneddoto parigino: a Parigi il traffico non è scontato, i parcheggi sono scarsi. Ecco perché mi piace mantenere il cliché della giovane bionda, fashionista nella sua Smart. Mi piace intrufolarmi nelle strade di Parigi e scivolare in un micro posto nei quartieri più affollati della capitale francese.

 3 – Auto e ospitalità, auto che arrivano in hotel, ristoranti … macchine che partono

Ti sei mai fermato di fronte a un hotel di lusso per ammirare le macchine parcheggiate di fronte? C’è una chiara connessione tra le auto di lusso e l’hotel. Il più interessante è osservare i loro proprietari quando escono: raramente arruffati, gli abiti sono generalmente ricercati e adattati agli eventi a cui queste persone partecipano.

 4 – “…salga  Charlotte …”, un giorno qualcuno ti ha detto, un ricordo di un momento

“Vai Charlotte …”: avevo 16 anni e stavo andando al matrimonio di mio cugino. Quando abbiamo lasciato la casa per andare lì  mio zio mi ha fatto salire su una Porsche 911 decappottabile. Che bel ricordo ! Ma confermo il consiglio del foulard  sui capelli per proteggere l’acconciatura perché proviene dalla mia esperienza personale: sono arrivata alla cerimonia con i capelli arruffati, ma con la testa piena di stelle.

5 – Un pilota di ieri o di oggi che vorresti invitare a cena

Sébastien Loeb perché, oltre ad essere fantasticamente pieno di talento , gestisce il suo stile e la sua immagine con la mano di un maestro. E, soprattutto, perché Sébastien è nato a Haguenau in Alsazia, una città dove vive la mia famiglia da parte di mia madre.

 6 – Un viaggio che ti ha lasciato dei bei ricordi

Nel 2014, con Frank, (mio marito oggi, ma il mio fidanzato in quel momento), abbiamo deciso di fare una vacanza segreta, da innamorati, in Borgogna. Mi ha fatto la sorpresa di noleggiare una Mercedes SLK per quel fine settimana di incantevole parentesi. Ero come in un sogno e la macchina ci ha aiutato a fuggire,  con dolcezza e lusso.

 7 – Qual è l’auto che ti rappresenta di più

Ho sempre sognato di guidare un Mehari: allo stesso tempo simbolo di libertà, natura e stile su tutti i terreni. Questa vettura mi ispira una dimensione “roots” ma allo stesso tempo è molto look. Mi immagino molto bene guidandola,  indossando colori flash, sovrapposizioni di vestiti, e tanti braccialetti … Mi piace ugualmente  la sua carrozzeria  “aperta” e “ariosa”, che rende visibili gli abiti e ci permette di non passare inosservati  😉

 8 – Preferisci guidare o essere guidata ?

Mi piace da un lato  guidare  perché amo padroneggiare il volante e scegliere il mio ritmo. Preferisco guidare  macchine con il cambio manuale  perché trovo che le sensazioni siano più intense e il ruolo del pilota abbia più  senso. Ma è vero che a volte è molto piacevole e utile essere guidati. In effetti, l’invio di sms, la gestione della propria agenda e degli appuntamenti è più sicura quando non abbiamo  l’ attenzione completamente dedicata alla strada.

9 – La tua prima macchina, un souvenir

La mia Ttwingo … un regalo di mia madre. Ho iniziato il mio primo lavoro all’Oréal e i trasporti non erano pratici per arrivarci. Ho adorato la  mia Twingo !   Una sera, dopo averla messa nel parcheggio che avevo noleggiato per essere sicura che fosse al  caldo, l’ho tirata fuori e …ops… una manovra mal gestita, un pilone che mi condizionava  ogni giorno … Ho urtato la mia Twingo e mi sono anche fatta male …

10 – Una cabriolet e una sciarpa al vento, Charlotte … Ricordi … sogni ?

Quel  weekend in Borgogna che ho appena citato,  con Frank, la Mercedes SLK, il buon vino , la buona tavola  e il bel tempo. Beaunes, i suoi vigneti e i suoi castelli sono stati sublimati dalla nostra auto di lusso. Avevo ovviamente pensato al foulard  e agli occhiali scuri, per atteggiarmi con sorriso distaccato  a una “star” degli anni ’50.

 11 – Una macchina che vorresti avere

In un contesto di vita come nella  Vaucluse o in Corsica mi piacerebbe avere un Mehari. Per la mia vita parigina la mia Smart mi si addice totalmente, ma estrapolando un po’, mi vedrei guidare un piccolo 4×4. Mi piace guidare stando in alto

 12 – Hai una strada del cuore?

La strada che unisce Saint Jean Cap Ferrat a Nizza. La baia di Villefranche … tutta la mia infanzia con i miei nonni.

 13 – Che musica accompagna i tuoi viaggi?

Ci sono diversi generi che mi piacciono, ma di solito sono accompagnata dalla radio: la mattina presto le notizie, durante la giornata la  musica,  nei notiziari della prima serata,   le trasmissioni in diretta : mi piace ascoltare la gente che si confida.

 

1 commento
  1. Luca Pazielli
    Luca Pazielli dice:

    Donna bella colta e interessante. Beato te Eraldo che l’hai incontrata o hai il numero di telefono…Lascia perdere la Ferragni.

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *